Archivi autore: Marina Cabrini

Tutto in un barattolo

E’ venuto il momento per me di salutare questo gruppo di lavoro. La mia vita ha avuto una svolta importante e positiva. Questa comporta l’abbandono di questo impegno e delle mia compagne di avventura.

Vi lascio con le bomboniere che ho realizzato per la comunione della bimba di una carissima amica. Barattoli riempiti con gli ingredienti a strati per realizzare dei biscotti al cocco e cioccolato.

Abbiamo scelto i barattoli “della nonna”, quelli col gancio di metallo e la guarnizione, per intenderci. Sul bordo esterno sono decorati con un washi effetto libro, un giro di twine fuxia, una fogliolina e un fiorellino fustellati

sul coperchio ho messo due fustellate a cerchio, liscio e scallop. Il primo colorato con distress Picked Raspberries e il secondo timbrato con lo stesso colore, leggermente anticati con il Walnut Stain e decorati con le stesse foglioline  e fiorellini del barattolo

Le bomboniere sono state completate con dei confetti colorati in gusti differenti, un tagliabiscotti e una tag con la ricetta per completare i biscotti.

Con questo io saluto tutte voi che seguite il blog, auguro alle mia compagne un buon proseguimento e a chi verrà un buon lavoro!

Grazie ASI per questa ennesima bella avventura!

Marina

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfida di marzo : piccole donne

Buongiorno scrappers : torniamo ad occuparci della sfida mensile con un altro libro che ha segnato un’ epoca : si tratta di “Piccole Donne” di Louise May Alcott.

Un libro che parla dell’amore che unisce inscindibilmente quattro sorelle molto diverse tra di loro e racconta contemporaneamente uno spaccato di vita quotidiana della seconda metà dell’ ‘800.

E’ stato per lungo tempo il libro che veniva regalato a tutte le ragazzine in età preadolescenziale, forse con lo scopo di farne delle perfette signorine, chissà…

Marina ne ha fatta una pagina del suo Art Journal, sfruttando una frase tratta dal libro

Letizia ha decorato un album per una bimba appena nata che conterrà tante foto di questa nuova piccola che si affaccia alla vita!

IMG_1937

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il quarto d’ora creativo : sfondi

Buongiorno scrappers. Spesso nella realizzazione dei nostri progetti abbiamo bisogno di creare degli sfondi e non abbiamo molto tempo. Oggi vi suggeriamo alcuni metodi per dare colore ai vostri lavori. Sempre in un quarto d’ora, purchè sia creativo!

Letizia ha realizzato una card utilizzando i gelatos, ha prima passato il gesso sul cartoncino, ha colorato con i gelatos e ha realizzato dei rilievi con uno stencil. Infine aggiungendo dei banners e un sentiment ha completato la card.

IMG_7003

Marina ha realizzato una card con lo sfondo colorato con 3 colori ad acquerello, lasciati colare in verticale. Completa il tutto una timbrata embossata in nero.

Barbara per lo sfondo della sua tag ha utilizzato i Distress pads sfumati tra loro con l’apposito applicatore e tamponati con uno scottex bagnato per “movimentare” un po’ la texture. Ha poi completato con timbrate nere e con una bimba Gorjuss, colorata sempre con i Distress (pad e markers) nelle stesse tonalità usate per lo sfondo.


Sara ha usato delle fustellate di fiori per la pagina di un album

FullSizeRender

Gelsomina Ha creando uno sfondo per un’ATC rubando i pennarelli dall’astuccio delle bimbe. Ha spalmato su un acetato un pennarello ed ha allargato la macchia con dell’acqua. Ha stampato sul cartoncino la macchia sovrapponendo vari colori. Una timbrata ed un bordo con una penna gel completano il tutto.

Infine la nostra GD Monica ha realizzato una card con sfondo floreale timbrato e colorato.

image2

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

A proposito di nazionale….

Facciamo un salto indietro e parliamo di quello dello scorso anno?

Ci ho messo del tempo. Molto. Anche troppo. Tra decidere il come, il cosa, scegliere le foto, stamparle, realizzare il progetto, scoprire che non andava bene e modificarlo….beh, siamo arrivati quasi al nazionale successivo!!!

Questa è la copertina, sulla quale ho sfruttato un paio degli addobbi che decoravano i tavoli del ristorante e una delle rose del kit di Karola

Il ciondolo con la mongolfiera è diventato un segnalibro, mentre il saccchettino di tessuto e la spilla di Sascha decorano il dorsino

Le pagine interne sono piene zeppe, zeppissime, delle nostre/vostre fotografie e sono decorate con i gadget ricevuti.

Vi invito a sfogliarlo ad Assago, perchè lo porterò con me e vi divertirete a scoprire dove siete !!!

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfida di febbraio : L’amore ai tempi del colera

Buongiorno scrappers!

Eccoci tornate qui per la nostra sfida mensile. Il libro scelto per ispirarvi questo mese di febbraio, dedicato per definizione all’amore è, neanche a dirlo, un libro che parla d’ amore.

Un amore contrastato, tormentato, trascinato per cinquanta lunghi anni di timidezza e incapacità di far propria la persona che ha rapito il cuore del protagonista.

“L’amore ai tempi del colera” di Gabriel Garcia Marquez è il testo che vi invitiamo ad interpretare per il nostro blog.

Ecco come lo abbiamo scrappato noi :

Marina ha realizzato un LO con una foto del suo album di nozze, usando una citazione dal libro.

Sara ha preparato una card motivazionale con una frase tratta dal libro

ASI_sfida_febbraio

 

Letizia si è ispirata all’amore in generale ed ha realizzato una card dai colori tenui, utilizzando i gelatos e la embossing paste,  perché l’amore è anche delicatezza

IMG_6878

 

Barbara ha realizzato un packaging per dei cioccolatini “cuoriciosi” con del Bazzill rosso e bianco, embossing folder, fustellate e twine coordinato.

2017-02-02 23.31.41

Paola ha creato un LO su carta chevron in rosa e bianco con dettagli in bianco e rose gold.

FB_IMG_1486111379513

Infine la nostra GD Monica ha realizzato una card dal sapore vintage, che ricorda l’atmosfera “antica” del libro.

image1

E voi, come interpreterete questa sfida? Aspettiamo i vostri progetti!!!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il quarto d’ora creativo : washi tape

Buongiorno scrappers!

Oggi inauguriamo una nuova rubrica dove vi proporremo progettini veloci e decorazioni realizzabili in pochissimo tempo. L’abbiamo chiamata “il quarto d’ora creativo” perchè la sfida infatti è di proporvi lavoretti realizzabili in questo tempo.

Cominciamo con il farvi vedere dei progetti veloci usando come materiali i washi.

Marina ha realizzato delle piumette usando washi tape e stuzzicadenti. Oltre che diventare elementi decorativi per layout  e card, possono essere utilizzati anche per un buffet.

COLLAGE PIUME

Barbara ha realizzato delle tag velocissime con cartoncino kraft, ovviamente washi, dello spago e sentiment embossato a caldo. Ottime per accompagnare dei regali dell’ultimo minuto.

Sara ha realizzato una card creando una pattern con diversi washi

ASI_WASHI

Letizia ha realizzato due cards utilizzando solo due washi, del cartoncino bianco, fustelle e timbro.

washi

 Gelsomina ha realizzato dei tab magnetici da utilizzare nell’agenda o come segnalibro con Washi metallizzati


Infine la nostra GD  Laura ha utilizzato i washi per lo sfondo di questa card romantica.

Vi sono piaciute le nostre idee? Ci vediamo il mese prossimo per un altro quarto d’ora creativo…

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Effetto legno “fai da te”

Oggi è davvero tanto gettonata, la carta effetto legno!!! Ma se vi capita di essere sprovviste, come fate? Io faccio così :

20170116_124302

Questi sono i materiali che ci occorreranno. scorpal o in mancanza anche la taglierina con la lama cordonatrice, un foglio di carta bianca da 200 grammi/mq liscio, almeno 3 colori di distress pad, io qui ho usato walnut stain, gathered twigs e bundled sage, tacky glue o colla vinilica, meglio se in tubetto, uno spruzzino con del distress vintage photo o un’altra tonalità di marrone, e uno spruzzino con dell’acqua.

20170116_124513Con l’aiuto della scorpal tracciamo delle righe nella direzione scelta a distanze irregolari20170116_124856

Quindi giriamo il foglio e con il distress walnut stain  mettiamo in evidenza le righe che abbiamo appena tracciato.20170116_125107

Ora, con l’aiuto del beccuccio, tracciamo delle vene belle storte sulla lunghezza delle doghe e tiriamo la colla con le dita o un pennellino. quando questa sarà asciutta, il distress che andremo a mettere successivamente si accumulerà in modo differente dove la colla c’è, dando la sensazione del nodo e della venatura del legno.

20170116_125459

A questo punto siamo pronti per la colorazione vera e propria, con il primo colore di fondo dei distress, nel mio caso il gathered twigs, steso in senso rotatorio sull’intera superficie. Insistendo nelle zone con la colla, si possono ottenere colori più o meno marcati, secondo il nostro gusto.

20170116_125841

Ora passiamo al secondo colore, nel mio caso il bundled sage, che è un verde salvia pallido, steso solo nei punti più chiari, quelli che hanno preso meno il primo colore.

20170116_152524

Per concludere e  dare un effetto più vissuto ho spruzzato prima del distess vintage photo diluito in acqua e poi dell’acqua per dilavare un po’ il colore.

 

 

In questa foto potete vedere i diversi effetti che potete ottenere cambiando i colori dei distress, usando un pennarellino marrone per evidenziare ulteriormente le vanature o usando dei timbri effetto craclè per imitare le screpolature delle cortecce.

Spero di avervi dato spunto per nuovi sfondi!!!

Marina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfida di gennaio : La fine è il mio inizio

Buongiorno scrappers, e buon anno da tutto lo staff!

Inauguriamo il 2017 con una nuova serie di sfide: dopo i titoli dei film e quelli delle canzoni quest’anno ci faremo ispirare dai titoli dei libri.

Il libro scelto per voi per il mese di gennaio è “La fine è il mio inizio” di Tiziano Terzani.                 E’ un libro molto intenso ed intimo, che personalmente ritengo uno dei più belli mai letti.        Ma non fatevi spaventare dalle trame che sceglieremo durante l’anno: ispiratevi al titolo, a qualche frase contenuta in esso. Date libero sfogo alla vostra fantasia come sempre! E stupiteci come sapete fare sempre….

Marina                                                                                                                                                           ha dedicato una pagina del suo art journal all’ASI. Alla fine del suo incarico nel CD e al ritorno in veste di semplice socia

Letizia ha deciso di provare a realizzare uno scrapping planner per questo 2017 ed ha realizzato la prima pagina con i distress sulla quale poi ha stampato una frase motivazionale. Infine ha aggiunto paillettes e stelline per dare un tocco di luce.

img_6743

Barbara ha realizzato la prima pagina della sua agenda per il 2017, preparando lo sfondo con i Distress e completando con delle fustellate in gomma crepla glitterata.

Sara ha realizzato una card con la tecnica del mixed media con il titolo del libro

asi_sfida_gen

Infine la nostra GD Laura ha realizzato la prima pagina del suo Bullet Journal per iniziare il 2017 con organizzazione.

E voi come interpretate questo titolo? Aspettiamo le vostre realizzazioni…

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il mio primo Bullet Journal

Questo è il primo bullet journal che ho completato e regalato ad un’amica. Per lei ho scelto una carta dai colori allegri e solari, come lei. Ha avuto un anno pieno di cambiamenti e di traversie. E vorrei che il sole tornasse a splendere nella sua vita. Spero che il mio bullet la aiuti anche a riorganizzare meglio la sua casa e i suoi impegni.

Come dicevo la copertina, in cartone da legatoria da 2 mm, è rivestita con questa adorabile carta piena di alelgria. la rilegatura è fatta con la Bind It All con molla da 1 1/4″ e il tutto è fermato da una coda di topo elastica e completato con la cifra dell’anno in numeri in crepla adesiva.

Internamente le pagine sono disegnate a mano con un pennarellino da 0.1 mm e arricchite con qualche timbro. Ho usato poco il colore perchè vorrei che il mio lavoro fosse una traccia per dare sfogo alla fantasia della mia amica. Il colore deve rientrare nella sua, di vita!

Ogni mese presenta un’intestazione e e una pagina opposta con entrate  e uscite, oltre alle pagine dedicate ai singoli giorni. Mentre ad inizio bullet  ho messo una serie di impegni annuali e di pagine utili per annotare libri letti, cose prestate, viaggi fatti, ecc…

Ho scoperto da poco questa nuova esperienza del bullet journal e sono fortemente intenzionata a pianificare meglio la mia vita del prossimo anno. Penso che sia un forte incentivo a fare meglio e a cercare di mantenere fede agli impegni, soprattutto con noi stessi. E’ un po’ come avere un motivatore in borsa!

spero vivamente che piaccia a voi, ma soprattutto a lei!

Marina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

1 Carta, 3 card

Oggi vi propongo 3 cards diverse, ma molto simili tra di loro nello stile e nella struttura.

20161110_131507

ho utilizzato la stessa carta patterned che ho cucito con del filo in tinta usando sia il punto dritto che il punto zig zag.

20161110_131455

le decorazioni sono alberelli di scrapbboking facile che ho coperto con polvere da embossing verde glitterata e ho poi decorato in due casi con dei tondini in crepla glitter bianca, strass e paillettes, mentre uno degli alberelli ha già dei fori ad imitazione delle decorazioni natalizie.

20161110_131445

una soluzione veloce e nello stesso tempo di effetto che ci fa entrare nel clima natalizio

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather