Archivi autore: Patrizia Foglia

Meeting ASI che passione: un salto in Piemonte!

Questo mese tocca a noi del Piemonte a rendervi partecipi del nostro meeting, che si è svolto il 05 maggio. La giornata sembrava non promettere nulla di buono, un freddo autunnale e neanche un raggio di sole all’ orizzonte, ma a riscaldare questa domenica di maggio anomala ci ha pensato la bravissima Serena Testa che dalla Toscana ha portato, oltre alla sua grande bravura anche tanti sorrise e felicità.

Come di consueto, noi referenti abbiamo aperto le danze al mattino presto con l’organizzazione della sala e insieme a noi il fantastico shop Scrap it easy che come da loro “tradizione” ha effettuato un vero e proprio trasloco da Roma a Torino per dar modo alle socie di trovare fisicamente la maggior parte dei loro prodotti.

Intorno alle 9:30 le prime socie sono arrivate e nella sala ha iniziato a diffondersi un grande brusio di persone che si salutavano dopo tempo o persone che grazie al meeting hanno avuto modo finalmente di conoscersi dal vivo.

Alle 10:00 abbiamo aperto le iscrizioni con il rituale del timbro sul passaporto e alle 10:30 Serena ha iniziato con il suo primo progetto. Si, parliamo di primo progetto perché a differenza delle altre volte sono stati fatti due progetti, uno al mattino e uno al pomeriggio. 

Il primo progetto è stato un mini album in scatola, semplice, delicato e molto versatile, dove le socie senza difficoltà sono riuscite a portarlo a termine entro la mattinata.

Quando la stanchezza e soprattutto la fame iniziava a farsi sentire abbiamo aperto il banchetto, si, questa volta possiamo veramente chiamarlo così, perché le socie si sono sbizzarrite con un sacco di leccornie salate e dolci. Durante il pranzo si creano sempre dei bei momenti conviviali e c’è stato anche il tempo per fare qualche acquisto presso lo shop, anzi a dire il vero anche noi referenti siamo cadute in tentazione e abbiamo fatto quelli che possiamo chiamare “danni creativi”. Chi di noi non ne fa ogni volta?

Subito dopo pranzo, recuperate le forze, per combattere la sonnolenza post pranzo abbiamo premiato lo swap che questa volta consisteva nel fare un segnalibro da abbinare ad un libro. Siamo state molto contente che parecchie socie abbiano partecipato, in quanto era comunque uno swap abbastanza corposo, non tanto a livello creativo, quanto al fatto che comunque c’era anche un libro da donare.

A seguire dell’estrazione dello swap, con relativo book fotografico, è stata annunciata alle socie una novità. Per l’organizzazione di questo meeting c’era stata una socia, Luana, che aveva accolto la proposta di fare la referente per un giorno ma durante i preparativi ha deciso di diventare “referente ufficiale” in modo da portare a tre le referenti per il Piemonte.

Ultima cosa, sicuramente non meno importante, prima di riprendere con lo scrap è stata la consegna del regalo all’insegnate che è sempre un momento molto emozionante in quanto si ha sempre un po’ paura di non aver centrato i gusti di chi riceve.

Intorno alle 14:30 ha ripreso in mano la situazione Serena con il secondo progetto misterioso. Ora giustamente vi starete chiedendo perché parliamo di mistero! Il pomeriggio è stato dedicato ad un layout con dettato cieco, le socie dovevano seguire le indicazioni dell’insegnante e alla fine, quando tutte avevano finito Serena ha voluto votare e premiare due layout: quello più fedele al suo e quello più innovativo. Questa cosa della premiazione a sorpresa è stata apprezzata veramente tanto e ha dato un piccolo incentivo in più alle socie e per questo ringraziamo ancora Serena per questa bella iniziativa.

Alle 17:30 dopo una serie di foto per ricordare anche questo bellissimo pomeriggio abbiamo sistemato e pulito la sala anche grazie all’aiuto di alcune socie.

Che dire, noi referenti siamo state veramente soddisfatte di questa giornata e ora non ci resta che iniziare ad organizzare il prossimo meeting anche grazie ai suggerimenti che abbiamo raccolto tramite il questionario che abbiamo proposto alle socie. Non ci si ferma mai!!!!

Micol, Eleonora e Luana

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

“Dream”

Ciao, oggi è il mio turno per post personale qui sul blog ASI e il progetto che voglio condividere è un mini album al quale tengo in modo particolare. I motivi che lo rendono così importante per me sono molteplici.

Lo scorso 14 Aprile si è tenuto il secondo meeting ASI Veneto dell’anno e questo mini raccoglie alcune foto di quel week end trascorso con amiche, parla di complicità, risate, abbracci…ma non solo, è anche la mia personalissima interpretazione del progetto che Elena e Silvia ci hanno presentato, adattandolo nei materiali, nel formato e nella rilegatura, al mio stile, al mio modo di scrappare. Penso infatti che da un meeting si possa tornare a casa con un progetto finito, bellissimo nella sua perfezione, oppure far proprio il progetto e realizzare qualcosa di assolutamente personale, perfetto nella sua unicità. Ed è stato proprio un po’ questo il filo conduttore del meeting, quello di condividere con noi alcune nozioni sull’uso dei colori e sull’uso della Gelli, per permettere poi ad ogni una di noi di realizzare un qualcosa di unico, per darci uno strumento per esprimerci attraverso carta e colori.

Nicoletta e Roberta e i loro regali per le teachers
Michela la vincitrice dello swap
Foto di gruppo

Non vi nascondo che all’inizio per me non è stato facile prendere confidenza con uno strumento, la Gelli, che non garantisce risultati sempre uguali, ma proprio per questo unici , lasciarmi andare all’uso dei colori, usare stencil e timbri… ma alla fine il risultato che ho ottenuto mi è piaciuto sacco!

Per la realizzazione della copertina ho utilizzato del tessuto jeans e per la realizzazione delle carte degli oxide nei toni del blu, verde e giallo, colori che esprimono calma, armonia, fiducia, vita, crescita, allegria e felicità, colori perfetti quindi per questo mini!

Patrizia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Meeting ASI che passione: un salto in Trentino!

DIETRO LE QUINTE DI UN MEETING

Buongiorno a tutti soci e socie A.s.i., oggi è il nostro turno, referenti del Trentino Alto Adige, di raccontarvi qualcosa riguardo la nostra splendida Associazione!

Ci siamo accorte che molti soci e socie non conoscono i compiti di noi referenti e quindi ci faceva piacere condividere con voi cosa può stare dietro all’organizzazione di un meeting.

Il Trentino Alto Adige è una realtà con tre referenti che sono Antonia, Sara e Veronica che si occupano di gran parte dell’organizzazione del meeting, poi abbiamo delle validissime aiutanti per l’organizzazione e lo svolgimento degli swap.

Prima dell’inizio di ogni anno le referenti di ogni regione devono pensare a delle date per i meeting tenendo conto di molti fattori: fiere, festività particolari e meeting limitrofi poiché si cerca di dare a tutti la possibilità di partecipare non solo ai meeting della propria regione ma anche a quelli delle regioni vicine.

Si cerca poi la location e si contatta (noi siamo fortunate poiché abbiamo un accordo con un Hotel che ci permette di dargli in anticipo tutte le date per prenotare la sala e stare così tranquille da quel punto di vista).

Dopo la programmazione delle date si iniziano a pensare le possibili insegnanti tenendo conto anche qui di molti fattori: si cerca di accontentare un po’ tutti proponendo insegnanti con stili diversi e che insegnino tecniche diverse ma si cerca anche di trovare un’affinità con i prodotti dello shop o degli shop che parteciperanno al meeting.

Non sempre le persone contattate rispondono di sì e non sempre sono disponibili nelle date proposte. Si cerca quindi di organizzarsi al meglio possibile.

Si chiede all’insegnante di poter avere il materiale in tempo per pubblicare il volantino quanto prima possibile e permettere così alle socie di iscriversi e di dare tempo anche allo shop di organizzarsi con i kit. (Per avere il materiale in tempo intendiamo dire che ci serve sapere in maniera molto dettagliata la lista dei materiali da utilizzare e l’anteprima del progetto e ci serve possibilmente più di un mese prima).

Noi in Trentino abbiamo delle splendide persone che ci aiutano con lo swap quindi lasciamo scegliere a loro la maggior parte delle volte cosa proporre e come organizzarsi e loro sono sempre molto entusiaste di farlo!

Poi c’è la parte preparazione del volantino dove si inseriscono tutte le informazioni necessarie in maniera molto precisa onde evitare che le socie facciano fatica a capire materiali del kit o modalità dello swap. Il volantino viene sempre corretto con molta pazienza e dedizione dalla nostra Laura del CD A.s.i. Dopo di ché si passa alla pubblicazione dello stesso.

Si cerca intanto di fare mente locale sul materiale che serve per il meeting: tovaglie, materiali particolari da utilizzare per il progetto, fotocopie della dispensa… ovviamente per tutto ciò ad ogni meeting abbiamo un budget da non superare. Questo spiega ad esempio come mai a volte non riusciamo a stampare a colori le dispense, sarebbe una spesa troppo onerosa e quindi preferiamo stampare in bianco e nero ed inviarla poi la mattina del meeting su whatsapp alle partecipanti.

Ci occupiamo anche di mettere e togliere dalla lista partecipanti chi si iscrive più volte per sbaglio, chi si iscrive e poi non riesce a venire, chi non riesce ad iscriversi ecc. ed inoltre rispondiamo, per quanto possibile, alle domande che ci vengono poste riguardo al meeting dalla pubblicazione del volantino fino al giorno del meeting stesso.

Il giorno del meeting arriviamo prima delle socie per preparare la sala, per mettere tutte le tovaglie, disporre i tavoli, preparare la sala. Per fortuna spesso veniamo aiutate da qualche socia volenterosa! Ci assicuriamo poi che lo shop abbia lo spazio necessario, che l’insegnante abbia tutti i tavoli che le servono a disposizione ed in caso di necessità la aiutiamo a passare tra i tavoli per aiutare le partecipanti. Ci assicuriamo inoltre che l’Hotel non abbia avuto problemi coi pagamenti del pasto, e che lo shop sia soddisfatto dell’esperienza passata con noi.

A fine Meeting riordiniamo la sala, spesso con l’aiuto di qualche socia e poi torniamo a casa. Pochi giorni dopo iniziamo già tutto il lavoro da capo per il meeting successivo. Alla fine di ogni meeting dobbiamo anche aggiornare il file riguardante la contabilità e trasmettere al CD Asi il numero di presenze, gli incassi ed i pagamenti.

Facciamo tutto questo con amore e dedizione, e così ogni altra referente in ogni regione , facendoci guidare dalla passione per il nostro hobby. Ci scusiamo se a volte siamo un po’ concise nelle risposte su whatsapp, a volte può capitare di avere la luna oppure di dimenticarci qualcosa, purtroppo ma anche per fortuna siamo umane. Abbiamo una grande passione per lo Scrapbooking che ci accomuna tutte quante e cerchiamo di svolgere questo compito al nostro meglio sempre e comunque! Accettiamo tutte le critiche, le lamentele e le proposte e cerchiamo di migliorarci ogni giorno assieme in questa realtà piena di carte e colori.

Speriamo in questo post di aver risposto a molte delle vostre curiosità riguardo all’organizzazione di un meeting ed al nostro ruolo di referenti all’interno dell’Associazione.

Buona giornata e felice scrap a tutte!

Un abbraccio da Sara, Antonia e Veronica.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Una nuova vita

” I bambini sono come i marinai: dove si posano i loro occhi è l’immenso” 

Adoro creare per le persone alle quali voglio bene, adoro aiutarli a ricordare attimi importanti, raccogliere foto, aggiungere colori, parole. Adoro vedere nei loro occhi meraviglia ed emozione per un dono unico, fatto con amore. Adoro fare i mini album.

Questo progetto nasce per Giulia, una giovane collega che da pochissimo e diventata mamma per la seconda volta. Volevo raccogliere in un mini gli scatti dei primi momenti di vita della piccola Emilia. Volevo farle un dono magico, una scatola da aprire negli anni a venire, una scatola che sapesse di latte, di coccole… che avesse il profumo di un neonato, il profumo dell’amore.

E così, ho creato per lei questa scatola dei ricordi nella quale, oltre ad un mini, trovano posto due piccole scatoline nelle quali mettere i bracciali dei primi giorni di vita e il ciuccio di Emilia, quando smetterà di usarlo.

Nella scatolo ho creato una cornice in tessuto e tulle
La copertina del minialbum è stata realizzata con lo stesso tessuto della cornice sul coperchio della scatola
Ho alternato pagine in vellum, pagine in bazzil bianco e carte patterned

Le pagine, di forme diverse , son rilegate tra loro con degli anelli apribili
Parole timbrate e decorazioni ottenute ritagliando le carte patterned decorano le pagine del mini
Alcune fustellate decorano il mini con uno stile clean and simple
Per decorare ho utilizzato anche la punch word della We R memory
Alette e aperture diverse movimentano il progetto
Sovrapposizioni di vellum nel quale ho stampato alcune citazioni completano alcune pagine
Due scatoline realizzate con l’envelope punch board completano il progetto

Spero di avervi ispirato in qualche modo a realizzare delle scatole dei ricordi da regalare alle persone care, nelle quale racchiudere parte della loro storia, ma soprattutto tutto il vostro affetto per loro!

A presto.

Patrizia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Meeting ASI che passione: un salto in Lombardia!

Ciao a tutte!

Come annunciato da Evita ad inizio anno, con questo post prende il via la rubrica “Meeting ASI che passione”, una finestra aperta, da nord a sud, sulla nostra bellissima realtà associativa! Si, perché il cuore pulsante di tutte le nostre attività si svolge proprio a livello regionale, dove ai meeting ogni socia trova un posto felice dove rigenerarsi, dove stringere mani, incrociare sguardi, imparare.

Ogni mese una regione ci terrà compagnia con un resoconto dettagliato del suo ultimo meeting e allora….bando alle ciance, apriamo le danze!

Patrizia

Meeting ASI che Passione: Un salto in Lombardia!

Quando si parla di meeting si immagina sempre l’obsoleto concetto di riunione, noiosa, interminabile, inconcludente…! Alle nostre associate in Lombardia, quando invece si nomina il meeting si attiva, anzi meglio si scatena, l’ormone della felicità! Il meeting rappresenta infatti un momento di incontro, scambio, crescita, sviluppo di abilità creative e idee originali legate al mondo dello scrapbooking.

I meeting radunano folle di creative che insieme condividono un progetto presentato e illustrato da un’altra creativa, scelta in quel particolare momento per una sua speciale abilità tecnica da proporre.

Durante i meeting creiamo, con un kit appositamente allestito, un progetto pensato, ideato, prodotto e realizzato dall’ insegnante scelta in quell’occasione per presentare una nuova tecnica, nuove collezioni e trend del momento. Nel nostro ultimo meeting  di domenica 20 gennaio , Daniele Caré é stata la nostra teacher e ci ha condotto nella realizzazione di un bellissimo mini album! Se volete potete seguire la sua pagina FB qui!

Il meeting ha, dietro la sua programmazione, due fasi: quella di preparazione e quella di esposizione. Durante la fase di preparazione le creative, che rispondono al ruolo di referenti, si occupano di scegliere l’insegnante, valutare la proposta, scegliere la data del meeting, coinvolgere i negozi convenzionati per la realizzazione dei kit  contenente i materiali necessari per la realizzazione del progetto, illustrare e redigere il volantino, aprire le iscrizioni sul portale dedicato di ASI ( e in Lombardia chiudere subito il computer per non farlo esplodere…in solo 7 minuti netti riempiamo ogni volta la sala!!!) diffondere le informazioni del meeting sui canali social, prenotare una location adeguata e …rispondere a tutte le esigenze delle creative sfiancate dallo stress dell’attesa!!!!

Il giorno del meeting poi, vengono allestiti dei tavoli dove le socie possono realizzare il progetto proposto, altri tavoli che diventano dei piccoli depositi di meraviglie create da ogni socia per le altre creative come regalino da portare a casa, ed un tavolo dove l’insegnante si posiziona per spiegare, “passo passo”, con o senza supporti tecnologici, il progetto proposto.

L’insegnante durante tutto il meeting è a completa disposizione delle discenti per guidarle nella realizzazione del progetto proposto. Il mini-album di Daniela Carè  domenica scorsa ha passato più tempo tra le mani delle creative che sull’ espositore….dove è tornato da solo, stremato, alla fine della giornata…!

Le creative hanno  poi l’opportunità di rilassarsi nella struttura che le accoglie condividendo un pranzo insieme: è  un momento di intensa complicità, un momento che suggella nuove amicizie, collaborazioni, nuovi orizzonti creativi con persone con le quali, durante l’anno, si condivide la propria passione sono virtualmente, nei social.

Vi è poi l’apoteosi del “momento selfie”: con le fotografie che si scattano durante il pranzo si potrebbe creare un project life annuale!

Durante i meeting vengono proposte tecniche che abbracciano tutte le aree dello scrapbooking , tutte sue applicazioni: mini-album, home decor, lay out, colorazione, mix-media, tecniche di utilizzo plotter, biglietti di auguri, calendari e decorazioni di ogni natura.

Nei meeting Lombardi le referenti cercano di proporre sempre proposte innovative per stimolare la fantasia delle creative.

 

Un’ altra attività che si svolge durante il meeting riguarda le sfide che viengono proposte alle socie prima dell’ uscita della data del meeting. Tali attività  permettono al ogni una di mostrare e far conoscere le proprie abilità, presentando dei lavori realizzati seguendo uno schema proposto di volta in volta dal team delle referenti.

Durante la giornata poi i migliori lavori, secondo l’insindacabile giuria composta dalle creative stesse, vengono premiati con prodotti per lo scrapbooking offerti dal team regionale. Nell’ultimo meeting lombardo sono stati presentati dei prodotti creativi degni delle migliori industrie di regali e calendari!!!

 

 

La risposta che viene data delle associate lombarde ad ogni chiamata creativa è la fonte di energia per chi gestisce queste giornate: vedere brillare gli occhi delle socie riempie di orgoglio chi lavora nell’ organizzazione dei meeting.

 

Tra le creative ne abbiamo moltissime in “erba”, sempre presenti e puntuali, e stiamo pensando a come coinvolgerle in modo più attivo nell’associazione.

È in uso, sempre durante il meeting, liberarsi attraverso la vendita dell’usato, di oggetti che non si utilizzano più ma che possono essere fondamentali per un’altra socia che può in questo modo avere l’occasione di fare acquisti a prezzi vantaggiosi.

Nella location sono sempre presenti alcuni shop, convenzionati ASI, scelti per quel determinato meeting, dove si possono acquistare materiali specifici e nuovi prodotti di tendenza per il proprio hobby e la propria passione.

Questa è Asi Lombardia: vi aspettiamo numerose al nostro prossimo meeting per divertirci insieme!

Happy Scrapping!

Elena Quattrone “ The Voice” per le referenti Lombardia

 

 Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

CalendASI 23\25

LE FORUMINE DELL’ASI

Ciao a tutti! Oggi voglio raccontarvi una storia…una storia iniziata qualche anno fa e che dura tuttora!

Tutto ebbe inizio nel lontano 2014, quando nel Forum Asi (se qualche associato sciagurato non lo conoscesse ancora clicchi immediatamente qui: http://forum.asi-italia.org) apparve questo post:

…e da quel momento per uno sparuto gruppo di associate nulla fu più come prima!!! Si instaurò da subito un clima di allegria, collaborazione, amicizia, ma anche discussione e di demoralizzazione a volte, che pian piano crebbe fino allo stato attuale! Com’è naturale abbiamo avuto anche noi qualche piccolo ricambio, pochi abbandoni, tante new entry e dei graditissimi ritorni. Ma ora bando alle ciance: è giunto il momento di presentarsi a voi!

Iniziamo naturalmente dalla nostra capostipite: Rita, che ha fondato questo gruppo!

“Mi chiamo Rita, scrapperita per il mondo scrap. Ho 42 anni e vivo in provincia di Belluno. Ma sono originaria di Messina. E sono una poliziotta penitenziaria Scrappo da sempre. Da prima di scoprire su una rivista nel lontano 1995 circa che ciò che facevo avesse un nome. Prima in modo “casalingo” da più di 10 anni in modo più “professionale”. Sono iscritta all’ASI da Aprile 2009… 10 anni il prossimo aprile! E sono stata anche vice presidente dell’associazione!Il mio stile? Come mi va. Tendenzialmente essenziale. Pulito, poco carico e colorato. Senza inutili frinzoli! Ma ci sono i giorni in cui ho pastrocchiato e le volte in cui ho messo di tutto. Ma di sicuro no tanto per. Sempre con cognizione di causa! E soprattutto per i LO (il mio grande amore) lasciando la foto protagonista! Dello scrap amo la condivisione e la partecipazione. Per questo per anni ho tenuto vivo il forum con iniziative varie, da sola. Poi sono arrivate anche le altre, le mie “forumine”. Alle quali ho insegnato tutto e che non hanno più bisogno di me. Infatti lascio il ruolo di “responsabile del forum”. Un po’ mi mancherà ma tutto passa. Ora tocca a loro!”

Grazie di tutto quello che hai fatto per noi Cara Rita…ci mancherai anche tu!!!

Per poi presentarvi le nostre menti perverse e diaboliche! Ebbene si, sono loro Maria Serena e Valentina le creatrici del mitico Scrap-Mondo e di Clu-Asi…con le loro terribili penitenze e le regole da carcere duro!! TREMATE GENTE TREMATE…perché le loro menti NON DORMONO MAI!!!

E infine tutte noi che tra swap, aiuto nei giochi, mille messaggi via Whatsapp e su Facebook, abbiamo già organizzato CALENDARIO DEL 2019 per farvi apprezzare e amare sempre di più il fantastico mondo dello scrap, che non è solo carta, timbri, colori, attrezzature,…ma è meeting, nazionale, ideare progetti per il divertimento di tutti i soci, condivisione, aiuto, pazienza e tanta tanta allegria!

Ma ora veniamo alla nostra proposta di Natale: UN PL A 9 MANI+1! Ognuna di noi ha creato una finestrella e la decima Forumina le ha rilegate in una Pocket Letter completa. La mamma delle Pocket Letter è Janette Lane e se seguite il suo blog www.janettelane.blogspot.com troverete un mondo legato alle Pl. Fondamentalmente si tratta di creare 9 card misura 6,5 cm x 9 cm da inserire in una busta con taschine (la classica portafigurine) e da riempire con tanti regalini, bustine da the, abbellimenti, nastrini,…insomma tutto quello che ci sta e vi fa piacere donare alla vostra destinataria. Eh si, perché le pocket letter sono delle vere e proprie lettere per cui ricordatevi di non far mai mancare un messaggio per il ricevente all’interno di una taschina.

Ma ora vi lascio alle foto della PL A 9 MANI+1 DELLE FORUMINE!

Non ci resta che augurare uno splendido Natale a voi e alle vostre famiglie…e non dimenticatevi di scrappare tutto quanto!!

LE FORUMINE

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

CalendASI 14/25

Eccomi, oggi sarò io a farvi compagnia per la 14esima casella del nostro splendido ‘CalendASI’.

Per chi ancora non mi conoscesse vi racconto qualcosina su di me. Mi chiamo Gina e dal 2017 sono referente della regione Campania. Vivo a Pompei con la mia famiglia composta da marito e figlia di 5 anni. Faccio parte di diversi DT e quando non scrappo per ‘dovere’, scrappo per ‘piacere’, perché non riesco proprio a stare lontana da tutto quel ben di Dio che noi scrappers amiamo tanto!! Le mie creazioni sono semplici (ma mai banali!) e molto colorate. Adoro però soprattutto il rosa, non a caso in tutto ciò che creo (o quasi) è presente questo colore. Mi piace sperimentare e imparare cose nuove (a riprova di ciò, mi è capitato più di una volta di avvicinarmi anche a progetti che prima non mi entusiasmavano più di tanto per finire poi con l’ adorarli!!) e mettermi in gioco e se sono qui è anche per questo. Tutti i miei lavori potete vederli sul mio blog: https://cottoescrappato.blogspot.com/ che cerco di aggiornare con una certa costanza.

Per il tutorial di oggi ho realizzato dei segnaposti che andranno ad allietare le vostre tavole natalizie ma niente vi vieta di trasformarli in chiudi-pacco personalizzati. Da un po’ di tempo i colori del mio Natale si sono allontanati da quelli classici per diventare  molto ‘Unconventional’ e tra poco lo vedrete con i vostri occhi  🙂

Ecco cosa vi occorre per la realizzazione di questi segnaposti.

 

MATERIALI:

fustella ‘Happy Christmas’ Sizzix 661677

fustella ‘Surprise tag’ Modascrap

fustella ‘Banner’ Modascrap

fustella ‘Xmas word’ Modascrap

fustella fiocco di neve

fustella ‘Alphabet Handlettering Lowercase Card’ CraftEmotions

fustella cuoricino My Favorite Things

fustella o punch cerchio

cartoncino bianco

cartoncino nero

vellum

ritagli di carte patterned

timbri ‘Handletter – Text Xmas Small’ CraftEmotions

tampone colorato e nero

una piccola mezza-perla

cordoncino color argento

Big Shot

taglierina

stonda-angoli

colla

Il tutorial è davvero molto semplice ed intuitivo ma vi spiego comunque alcuni passaggi.

 Per prima cosa ho iniziato fustellando tutte le parti che occorrono per il progetto.

Ho decorato la tag all’ interno creando dapprima uno sfondo con il timbro del fiocco di neve e aggiungendo poi le parti che vedete in foto.

Sulla parte anteriore della tag ho aggiunto un ritaglio di carta patterned 9cm x 6,5 cm a cui ho stondato gli angoli e su cui ho timbrato ancora i fiocchi di neve (gli stessi usati in precedenza) più il sentiment.

Ho incollato i vari pezzi per formare Babbo Natale e ho attaccato sia questo che le altre fustellate sulla patterned.

Infine ho aggiunto un pezzo di cordoncino facendolo passare nel foro superiore della tag.

Ed eccoli pronti. Bastano davvero pochi semplici passaggi per ottenere dei segnaposti allegri e colorati! Nella parte interna sarà possibile scrivere i propri auguri di Natale per i commensali della tavola.

L’ augurio che faccio alle mie colleghe referenti sparse per l’ Italia e a voi tutte che leggete, è che possiate diffondere, attraverso la creatività, tanta bellezza in giro per il mondo!

Happy holidays,

Gina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

CalendaASI 5/25

Ciao!

Mi chiamo Franca e sono co-referente della regione Sicilia. Un tempo avevo un blog, quando il mio nik era Zammù, Fattodame, che ho progressivamente abbandonato alla polvere… Stilisticamente non saprei proprio come definirmi, sono una crafter indisciplinata, mi stufo delle cose, amo il colore.

Oggi vi propongo un piccolo raccoglitore destinato alle ricette dei biscotti natalizi: adoro fare i biscotti !!!

  • Da un cartoncino crema da 300g, ho tagliato un rettangolo 10 ½” x 4 ½”
  • Ho cordonato il lato lungo a 3 ½”, 4”, 7 ½” e 8”.

  • Per la scatola interna, da una patterned non troppo leggera, ho tagliato un rettangolo 7” x 5 ¼”.

  • Ho cordonato il lato lungo a 3 ¼” e 3 ¾” e il lato corto a ½” da entrambi i lati.
  • Ho tagliato le parti evidenziate in azzurro, ho piegato e incollato i lembi ai rispettivi
  • Prima di incollare la scatolina all’interno dell’involucro, ho decorato le facciate esterne A e B di quest’ultimo con due rettangoli patterned 2 ¼ x 4 ¼ . [Se la carta ha un verso,  seguo il verso delle frecce].
  • Ho decorato sia l’interno che l’esterno del battente di chiusura con 2 patterned 3 ¼ x 4 ¼. Anche in questo caso, ho fatto attenzione al verso della carta.
  • Ho incollato la scatolina interna all’involucro esterno, partendo dal fondo.
  • Ho abbellito il battente di chiusura a piacere e ho aggiunto i ciondolini.
  • Per l’interno, in una carta con il retro non decorato, ho tagliato le card 4” x 3” (ho usato anche vecchie card del Project life)

  • Ho usato la facciata patterned per il titolo della ricetta e le decorazioni; il retro, molto sobriamente, riporta ingredienti e procedimento.

Spero che questo piccolo progetto vi sia piaciuto.

Bacetti e buone feste a tutti

FrancaFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

SketchiAmo: sfida settembre

Bentornate a tutte! Finite le ferie o state godendovi ancora qualche giorno di riposo prima di riprendere tutte le attività che settembre porta con sé ? Noi del DT con questo post riprendiamo alla grande l’attività, belle cariche e con un sacco di novità sulle quali stiamo lavorando….ancora un po’ di pazienza e vedrete cosa abbiamo abbiamo preparato!!!

Iniziamo allora questo mese con un nuovo sketch proposto da Gelsomina e con le nostre interpretazioni e quelle delle due vincitrici della sfida di agosto!!!

Patrizia ha interpretato lo sketch proposto realizzando con gli acquerelli una serie di ATC intitolata “Gli origami del cuore”.

Nadia si è fatta ispirare realizzando questa card.

Elisa Favari, una delle nostre guest ha realizzato questo bellissimo LO “green”…

…ed Elena Cortese, l’altra guest di agosto, ha usato il suo amore per i colori per realizzare un LO coloratissimo utilizzando solo bazzil ed acquerelli!!!

E voi cosa aspettate a lasciarvi ispirare da questo sketch bellissimo e versatile?

A presto,

PatriziaFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ma tu la segui la moda?

Ciao! Ma voi la moda la seguite? noooo…non sto parlando di quella moda…vestiti, scarpe, borse…, sto parlando della moda legata allo scrap! eh sì, anche lo scrap ha sempre di più le sue mode: ogni stagione escono collezioni sempre nuove, ci sono i “must have” (taglierine, colle…), i classici per ogni occasione (bazzil, vellum…) e, proprio come nella moda, i prodotti a volte ritornano! Ecco proprio di uno di questi prodotti vi voglio parlare, gli EMBOSSING FOLDER!

Innanzi tutto facciamo un po’ di chiarezza soprattutto per chi è alle prime armi. Per embossing si intende un (di)segno in rilievo che permette di ottenere disegni, decorazioni, texture personalizzate su varie superfici: principalmente carta, acetato, vellum ma anche stoffa , sottili lamine metalliche, legno…

Come si ottengono questi effetti? Esistono varie tecniche, alcune più semplici e altre un po’ più complesse.

Embossing a caldo (tecnica Heat): questa tecnica prevede l’utilizzo di uno strumento, la heat gun, comunemente conosciuta come soffiatore a caldo, di un timbro o di uno stencil, di un’inchiostro a lenta asciugatura (trasparente o colorato) e di una polvere da embossing, cioè di una polvere che con l’azione del calore si “gonfia”.

La tecnica è estremamente semplice ma conoscere alcuni trucchetti può migliorare il risultato finale! Una volta scelto il materiale da embossare cospargere la superficie con una polvere antistatica per fare in modo che la polvere da embossing aderisca solamente all’immagine timbrata con l’inchiostro. In commercio ne esistono sotto forma di cuscinetto o di barattolino dotato di applicatore a pennello. In mancanza di queste si può utilizzare del semplice borotalco o un panno antistatico di quelli che si utilizzano per raccogliere la polvere dai pavimenti. Si procede poi inchiostrando il timbro (perfetti sia quelli clear, in silicone, che quelli montati) con un inchiostro a lenta asciugatura. Potremmo scegliere tra un ink trasparente (tipo versamark) o uno colorato, a seconda dell’effetto che vogliamo ottenere. L’accoppiamento del tipo di ink e di polvere definisce il risultato. Se ad esempio utilizzeremo un ink trasparente con una polvere clear, otterremo un effetto tono su tono lucido, quasi un effetto bagnato. Se utilizzeremo invece una polvere colorata otterremmo una timbrata in rilievo di quel colore. Quando utilizziamo ink colorati le polveri più indicate sono ovviamente quelle clear o al massimo clear con glitter. La timbrata finale sarà quindi in rilievo e del colore dell’ink usato. Una volta timbrata, la superficie va cosparsa abbondantemente con la polvere. Provate ad utilizzare anche polveri di colori diversi sulla stessa timbrata, otterrete bellissime sfumature. La polvere in eccesso verrà raccolta e ovviamente riutilizzata. Se dovessero esserci delle parti indesiderate dove la polvere, malgrado tutte le precauzioni, si fosse attaccata, potete utilizzare un piccolo pennello per pulirle. Usare la heat gun in verticale per rapprendere le polveri. Le polveri una volta fissate con l’embosser diventano waterproof quindi se ci dipingiamo sopra la carta si colorerà ma la figura che abbiamo embossato rimarrà del colore iniziale.

Una curiosità: se ce la caviamo bene con il brush lettering o se vogliamo sperimentare dei disegni fatti a mano, esistono delle “penne” dedicate  ad inchiostro a lenta asciugatura. Guardate qui che meraviglia questo LO di Federica Reale nel quale ha utilizzato proprio questa tecnica! Altra alternativa all’utilizzo dei timbri possono essere le mascherine per stencil sulle quali tamponeremo direttamente con il tampone a lenta asciugatura.

Cosa possiamo embossare a caldo? possiamo embossare ogni superficie la cui struttura non si alteri con il calore. Qui di seguito ecco alcuni esempi:

vellum

acetato resistente al calore

 

stoffa…un progetto di Ilaria

http://hobby-di-carta.blogspot.com/2011/05/come-si-fa-linchiostro-versamark-by.html

legno…un progetto natalizio di Barbara

http://www.dicorsoincorso.it/2012/10/08/home-decor-noel-2/

e ovviamente carta

Embossing a freddo ( tecnica Dry): questa tecnica prevede la realizzazione di un rilievo su un materiale imprimendolo meccanicamente sul materiale stesso. Questo tipo di embossing possiamo realizzarlo con il metodo più classico, lavagna luminosa, mascherina e bulino, oppure più “comodamente” con gli embossing folder appunto. Cosa sono? sono delle cartelline che si aprono a libro e che al loro interno hanno due facce che si incastrano perfettamente: una con il positivo e l’altra con il negativo dell’immagine che vogliamo imprimere. Come facciamo ad imprimere il rilievo? Dovremo inserire il materiale che abbiamo deciso di utilizzare all’interno del folder, facendo attenzione a centrarlo in base a dove vogliamo il rilievo. Per imprimere quest’ultimo dovremmo inserire il sandwich ottenuto  tra i due piani da taglio e inserire il tutto in una macchina da taglio, tipo la big shot che lo presserà. Esistono dei folder di “ultima generazione” con i quali si ottengono degli effetti 3D spettacolari, nei quali il rilievo si sviluppa su vari livelli.

E’ possibile realizzare una stampa a rilievo con gli inchiostri utilizzando la big shot e le embossing folder unite ad inchiostri di vario tipo. a seconda si inchiostri una o l’altra superficie interna del folder, si otterrà un effetto in positivo o in negativo della colorazione.

Cosa possiamo embossare a freddo?

Possiamo embossare carta, cartoncino, vellum, fogli di lamina metallica, stoffa (trattata precedentemente con collanti specifici o colla vinilica). Alcuni brand hanno recentemente prodotto dei cartoncini specifici per questo tipo di embossing con i quali si ottiene un effetto particolarmente definito. Esistono in commercio anche dei cardstock, la cui struttura è composta da amalgama di carta di colore diverso, che rendono particolarmente se carta vetrati leggermente dopo essere stati embossati.

carta…una bellissima card di Francesca Biancon

http://scrapbookingpeanuts.blogspot.com/2018/03/total-white.html

stoffa…un progetto di Lucia

http://lasoffittadipantyra.blogspot.com/2012/10/embossarela-stoffa-incredibile.html

vellum…

https://marienicoleblog.weebly.com/crafting/prayers-cards-with-etched-acetate-overlay

e lamina metallica…

https://www.greenme.it/consumare/riciclo-e-riuso/10182-fogli-alluminio-riutilizzi

A presto e mi raccomando…rispolverate i vostri embossing folder e fateci vedere che meraviglie create!

PatriziaFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather