• Diario di gravidanza

    Ciao e bentornati sul blog,

    oggi condivido con voi un diario di gravidanza realizzato per una mia carissima amica.

    Ho scelto di realizzarlo con una struttura molto semplice usando la rilegatura con la Bind it all. Il diario misura 15,5×14,5 cm.

    Trattandosi di un diario che doveva essere abbellito e completato dalla mamma ho scelto di tenermi molto leggera con gli abbellimenti, per dare modo alla proprietaria di personalizzarlo a proprio gusto e piacimento.

    Per la copertina ho recuperato una silhouette da un opuscolo medico trovato dal mio ginecologo e usando alcuni timbri sfondo ho aggiunto un p√≤ di movimento al mio background. Inoltre ho inserito una farfalla, timbrata e ritagliata, che ci sta sempre bene ūüôā

    Le pagine interne sono molto semplici per dare libero sfogo a quello che voleva inserire la mamma. Ho cercato solo far spiccare il numero che indicava il mese usando delle timbrate cornice e etichetta che ho ritagliato.

    Ora vi lascio alla carrellata di immagini dell’interno del diario …

    Al sesto mese ho inserito una pagina a pois in acetato

    In fondo al diario ho inserito alcune pagine dove mettere le foto dei primi momenti del nuovo nucleo famigliare.

    Infine il retro del progetto

    Spero di avervi tenuto piacevolmente compagnia.

    Vi aspetto al prossimo post

    Nadia

  • Piccole cose della vita

    Ciao,

    oggi tocca a me tenervi compagnia e lo faccio con un progetto che rientra nella categoria “voglio liberarmi dei ritagli di carta e degli abbellimenti di questa collezione”, perch√® pareva brutto chiamarlo “album fatto con gli avanzi”. Confesso non ho finito completamente tutto ma ci sono andata molto vicina!!!

    Ho utilizzato un cartoncino da recupero 9×11 cm e vari ritagli di carta patterned da cui ho ricavato 5 bustine 8,5×10 cm. La rilegatura del mini √® stata atta infilando la linguetta superiore delle busta all’interno della busta successiva

    mentre per la chiusura ho usato in pezzo di acetato fissato sul retro e tenuto chiuso con un elastico e degli eyelets. Poi ho decorato con quanto avevo.

    Le foto potranno essere inserite sia nella busta che poste sulla parte esterna della busta.

    Spero di avervi ispirato con questo piccolo mini da borsetta.

    Alla prossima

    Gelsomina

  • Now and forever

    Credevate di esservi liberata di me, invece no. Eccomi con un nuovo progetto che spero vi faccia piacere.

    Ho pensato di fare un layout molto clean and simple, pensando a chi vuole approcciarsi alla realizzazione di un LO.

    Infatti ho utilizzato pochissimi elementi scrap, che credo abbiate tutti.

    Nello specifico sono un bazzill bianco, uno stencil, della pasta modellabile, un pennello, dell’inchiostro o gesso nero oppure anche un uniposca, un tampone nero, sentiments, carta per mattare, cartone o biadesivo spessorato, colla …. ah dimenticavo la foto ūüôā

    Per prima cosa sono partita dalla scelta della mia base, che è un semplice bazzill bianco su cui sono andata a fare alcune stencilate seguendo una linea diagonale.

    Ho mattato le foto e ho timbrato su avanzi di bazzill bianco (perchè noi scrappers non buttiamo nulla!!!) alcuni sentiments.

    Poi ho spessorato le foto e le ho messe al centro del bazzill, aggiungendo i miei sentiments.

    Infine ho coperto le foto con della carta e con l’aiuto di un pennello ho fatto alcuni schizzi neri qua e l√† usando del gesso nero.

    Ed ecco … il gioco √® fatto!

    Vi lascio ad alcune foto del progetto …

    Spero di avervi tenuto piacevolmente compagnia.

    Mi piacerebbe vedere le vostre interpretazioni del mio progetto. Ne avete voglia?

    Un abbraccio e a prestissimo

    Nadia

  • Facciamo Ordine

    Non capita anche a voi di ritrovarvi sempre in giro i biglietti da visita e poi non trovarli quando vi servono? A me sempre!!!

    Ho pensato allora di ricorrere al mio amato hobby per fare un po’ d’ordine! lo costruito un porta biglietti da visita utilizzando del cartoncino di recupero e qualche avanzo di carta.

    ho preso due rettangoli di cartoncino pressato 7×10,5 ed un pezzetto 7×2. Li ho rivestiti come si f√† per le copertine degli album con un cartoncino bianco da 110 gr.

    Ho bucato i lati liberi ed infilato un anellino colorato. Poi ho fatto un buchino nei bigliettini da visita ed ora sono magicamente tutti nello stesso posto, facili da consultare!! Il porta biglietti lo si può tenere anche in piedi sulla scrivania. Infine ho dato libero sfogo alla fantasia per decorarlo.

    Spero di avervi ispirato e di avervi dato qualche idea!

    Alla prossima

    Gelsomina

  • Tempo di Xmas cards!!!

    Eccoci a dicembre, “the most wonderful time of the year”, di quest’anno di cui tutti stiamo aspettando con ansia la fine… Non ci possiamo incontrare per cui le nostre amate cards saranno i nostri vettori d’affetto, un piccolo mondo da spedire con cui esprimere amore e nostalgia!

    Io e Alessandra siamo ancora qui insieme per condividere le nostre ispirazioni, qualche piccola idea x augurarvi un coloratissimo e dolcissimo dicembre!

    Abbiamo cercato di usare tecniche e materiali diversi, proprio per fare un escursus tra le infinite possibilità che il cardmaking ci offre.

    La mia √® un po’ naif e ho utilizzato principalmente timbri e stencil.

    Sono partita da un cartoncino bianco su cui ho incollato della carta velina; ho steso uno strato di gesso e con uno stencil ho decorato con la modeling paste. Ho mattato con una cucitura a macchina. Ho creato delle macchie coi Distress Oxide.

    Ho preparato una striscia di patterned su cui ho timbrato uno sfondo e incollato un pezzetto di pizzo.

    Ho decorato con timbri colorati con le matite acquerellabili, cordoncino e un campanello.

    Alla fine mi sono fatta prendere da questi animaletti e ne ho fatte due…

    Alessandra, meglio conosciuta come Tata, ha invece realizzato una card ispirata al suo “insolito Natale” infatti, mentre gli altri anni ha colorato il Natale con delle tonalit√† molto classiche, quest’anno ha deciso di usare colori pi√Ļ allegri come il rosa e un verde acceso senza per√≤ rinunciare all’oro.

    Per prima cosa ha realizzato una striscia di carta che √® andata a colorare con il Distress Oxide “Picked rasperry” su cui ha poi fatto cadere delle goccioline di acqua. Incollata la striscia spessorandola, ha poi schizzato dell’acrilico fucsia e oro.

    Pronta la base √® passata alla realizzazione del cut file per il plotter: ha prima scelto il font a cui ha inserito l’off set e lavorando poi solo sul contorno, ha unito a questo i rametti e le foglie. Pronto il file, ha tagliato la parte del contorno su cartoncino bianco, la scritta da cartoncino oro specchiato, le foglie dal verde mentre le palline rosse le ha realizzate con un piccolo punch a cerchio

    Come ultimo tocco, ha embossato un sentiment con polvere oro e incollato la scritta su del vellum strappato. Ha aggiunto qualche enamel dot e la sua “Unconventional card” √® pronta!

    Ecco quindi la nostra interpretazione di Xmas Card speriamo possano esservi d’ispirazione! Per chi volesse il cut file realizzato da Tata la contatti pure.

    Baci, Sabrina e Tata

  • Clean&simple con gli embossing folders

    Ciao a tutti! In questo fine agosto a tenervi compagnia ci sono io, Sabrina.

    Con questo caldo faccio fatica a mettermi in progetti impegnativi però il tempo per giocare un pò lo trovo sempre. Per cui ho tirato fuori la mia scatola degli embossing folders e ho fatto qualche esperimento per riassumere un pò i vari usi che ne possiamo fare.

    Pensando di poterli poi utilizzare per creare delle cards clean&simple ho preparato una serie di cartoncini bianchi di circa 10×13 cm e ho iniziato a fare un p√≤ di prove.

    Uno delle mie preferite è sicuramente una tecnica che ho visto in un video della mitica Jennifer McGuire: con del washi si crea una cornice sul nostro cartoncino:

    e con il blending tool si sfumano tre o quattro Oxide. Volendo con un pennello morbido possiamo spolverare con della polvere di mica dorata. Ora possiamo togliere il washi.

    Infine embossiamo il cartoncino.

    Ed ecco il risultato:

    Un’altra tecnica piuttosto classica √® quella di inchiostrare direttamente l’embossing folder: io ho provato con gli Oxide ma anche con un pad di Taylored Expression: il risultato cambia in base all’inchiostro, al tipo di embossing folder, alla carta che utilizziamo ( io ho usato della Fabriano liscia da 220gr o del bristol classico…) ma anche dalla pressione esercitata…

    Nei due sopra ho usato la carta Fabriano liscia, nei due sotto del cartoncino comune…

    Ho provato anche a creare una sfumatura con gli Oxide:

    In questo invece provato poi a sfumare direttamente delicatamente col blending tool il per far risaltare le parti in rilievo per un effetto molto delicato:

    Qui invece ho colorato il cartoncino con dell’acrilico metallico e poi embossato: l’effetto “lamina matallica” √® stupendo!

    Qui invece ho colorato il cartoncino con del gesso nero e ho passato della cera di due colori dopo l’embossatura:

    Un altro metodo molto divertente √® quello di tamponare col Versamark direttamente il nostro folder e poi cospargere di polvere dopo l’embossatura a freddo: anche qui i risultati variano a seconda se tamponiamo la parte concava o quella convessa:

    Ho provato anche a tamponare col Versamark direttamente sul cartoncino embossato: non sono riuscita a modulare la distribuzione dell’inchiostro per cui con la polvere √® venuto tutto uniforme!

    Ho voluto provare anche con i pigmenti. Prima ho trattato il cartoncino con del gesso clear, ho embossato e ho cosparso un p√≤ di pigmenti colorati: con l’acqua il colore si infila nelle fessure e nei rilievi dando un risultato un p√≤ meno clean&simple ma comunque interessante!

    Alla fine ho raccolto una bella serie di sfondi perfetti per creare velocemente delle cards. Ne ho montate un p√≤ con l’aiuto di fiori timbrati e non colorati o colorati pochissimo e qualche fustellata:

    Per ora ho creato queste…anche per provare il nuovo colore dei Distress Oxide (Spekled Egg)… Ma le possibilit√† sono infinite!!!

    Voi che ne dite? Avete provato? Qual è il vostro effetto preferito?

    Alla prossima!

  • Segnalibro origami

    Una delle cose pi√Ļ utili dell’estate per me, ovviamente dopo un ventilatore, √® il segnalibro. Infatti in questa stagione ho l’occasione di ritagliare un po’ di tempo da dedicare alla lettura. Si √® vero ora ci sono favolosi dispositivi elettronici che tengono il segno per te, ma talvolta tenere la carta tra le mani f√† parte del rituale per godersi appieno il relax.

    Oggi vi propongo un segnalibro triangolare fatto con la tecnica dell’origami e decorato con lo scrap per cui questo progetto si presta per essere realizzato anche dai pi√Ļ piccoli in quanto non richiede l’uso di forbici e colla se non nella decorazione.

    Prendiamo un foglio di carta da origami o carta da stampante (bianco o colorato ) e ricavate un quadrato di circa 15 cm per lato. Piegatelo lungo una delle diagonali. Poi pieghiamo i vertici della diagonale verso l’altra pinta del triangolo ottenuto

    Riapriamo il quadrato e ripieghiamo verso l’interno la punta subito sotto le punte appena unite

    Richiudiamo seguendo le pieghe gi√† fatte e ripieghiamo all’interno gli spigoli della diagonale

    Una volta ripiegate queste due punte otteniamo il segnalibro col retro quadrato e il davanti triangolare, se fogliamo il fronte ed il retro triangolare baster√† ripiegarlo verso l’interno. Appiattite bene le pieghe per definire la forma.

    A questo punto possiamo decorare usando un cartoncino quadrato 7×7 tagliato lungo la diagonale ed incollando questi pezzi su entrambi i lati

    oppure potete decorare con un cartoncino sagomato sul davanti e un quadrato sul retro

    Visto √® pi√Ļ difficile a dirsi che a farsi!! Ora non fatevi vincere dall’afa alzatevi ed iniziate a realizzare un esercito di segnalibri, potrete anche inserirli nei libri che regalerete per un compleanno o a Natale aggiungendo cos√¨ un po’ di personalit√† al regalo.

    Spero che l’idea vi sia piaciuta e vi auguro buon proseguimento di vacanze

    Gelsomina

ChatClick here to chat!+