• Clean&simple con gli embossing folders

    Ciao a tutti! In questo fine agosto a tenervi compagnia ci sono io, Sabrina.

    Con questo caldo faccio fatica a mettermi in progetti impegnativi però il tempo per giocare un pò lo trovo sempre. Per cui ho tirato fuori la mia scatola degli embossing folders e ho fatto qualche esperimento per riassumere un pò i vari usi che ne possiamo fare.

    Pensando di poterli poi utilizzare per creare delle cards clean&simple ho preparato una serie di cartoncini bianchi di circa 10×13 cm e ho iniziato a fare un pò di prove.

    Uno delle mie preferite è sicuramente una tecnica che ho visto in un video della mitica Jennifer McGuire: con del washi si crea una cornice sul nostro cartoncino:

    e con il blending tool si sfumano tre o quattro Oxide. Volendo con un pennello morbido possiamo spolverare con della polvere di mica dorata. Ora possiamo togliere il washi.

    Infine embossiamo il cartoncino.

    Ed ecco il risultato:

    Un’altra tecnica piuttosto classica è quella di inchiostrare direttamente l’embossing folder: io ho provato con gli Oxide ma anche con un pad di Taylored Expression: il risultato cambia in base all’inchiostro, al tipo di embossing folder, alla carta che utilizziamo ( io ho usato della Fabriano liscia da 220gr o del bristol classico…) ma anche dalla pressione esercitata…

    Nei due sopra ho usato la carta Fabriano liscia, nei due sotto del cartoncino comune…

    Ho provato anche a creare una sfumatura con gli Oxide:

    In questo invece provato poi a sfumare direttamente delicatamente col blending tool il per far risaltare le parti in rilievo per un effetto molto delicato:

    Qui invece ho colorato il cartoncino con dell’acrilico metallico e poi embossato: l’effetto “lamina matallica” è stupendo!

    Qui invece ho colorato il cartoncino con del gesso nero e ho passato della cera di due colori dopo l’embossatura:

    Un altro metodo molto divertente è quello di tamponare col Versamark direttamente il nostro folder e poi cospargere di polvere dopo l’embossatura a freddo: anche qui i risultati variano a seconda se tamponiamo la parte concava o quella convessa:

    Ho provato anche a tamponare col Versamark direttamente sul cartoncino embossato: non sono riuscita a modulare la distribuzione dell’inchiostro per cui con la polvere è venuto tutto uniforme!

    Ho voluto provare anche con i pigmenti. Prima ho trattato il cartoncino con del gesso clear, ho embossato e ho cosparso un pò di pigmenti colorati: con l’acqua il colore si infila nelle fessure e nei rilievi dando un risultato un pò meno clean&simple ma comunque interessante!

    Alla fine ho raccolto una bella serie di sfondi perfetti per creare velocemente delle cards. Ne ho montate un pò con l’aiuto di fiori timbrati e non colorati o colorati pochissimo e qualche fustellata:

    Per ora ho creato queste…anche per provare il nuovo colore dei Distress Oxide (Spekled Egg)… Ma le possibilità sono infinite!!!

    Voi che ne dite? Avete provato? Qual è il vostro effetto preferito?

    Alla prossima!

  • Segnalibro origami

    Una delle cose più utili dell’estate per me, ovviamente dopo un ventilatore, è il segnalibro. Infatti in questa stagione ho l’occasione di ritagliare un po’ di tempo da dedicare alla lettura. Si è vero ora ci sono favolosi dispositivi elettronici che tengono il segno per te, ma talvolta tenere la carta tra le mani fà parte del rituale per godersi appieno il relax.

    Oggi vi propongo un segnalibro triangolare fatto con la tecnica dell’origami e decorato con lo scrap per cui questo progetto si presta per essere realizzato anche dai più piccoli in quanto non richiede l’uso di forbici e colla se non nella decorazione.

    Prendiamo un foglio di carta da origami o carta da stampante (bianco o colorato ) e ricavate un quadrato di circa 15 cm per lato. Piegatelo lungo una delle diagonali. Poi pieghiamo i vertici della diagonale verso l’altra pinta del triangolo ottenuto

    Riapriamo il quadrato e ripieghiamo verso l’interno la punta subito sotto le punte appena unite

    Richiudiamo seguendo le pieghe già fatte e ripieghiamo all’interno gli spigoli della diagonale

    Una volta ripiegate queste due punte otteniamo il segnalibro col retro quadrato e il davanti triangolare, se fogliamo il fronte ed il retro triangolare basterà ripiegarlo verso l’interno. Appiattite bene le pieghe per definire la forma.

    A questo punto possiamo decorare usando un cartoncino quadrato 7×7 tagliato lungo la diagonale ed incollando questi pezzi su entrambi i lati

    oppure potete decorare con un cartoncino sagomato sul davanti e un quadrato sul retro

    Visto è più difficile a dirsi che a farsi!! Ora non fatevi vincere dall’afa alzatevi ed iniziate a realizzare un esercito di segnalibri, potrete anche inserirli nei libri che regalerete per un compleanno o a Natale aggiungendo così un po’ di personalità al regalo.

    Spero che l’idea vi sia piaciuta e vi auguro buon proseguimento di vacanze

    Gelsomina

ChatClick here to chat!+