Layout Rodi

Buongiorno a tutti, oggi posto un LO che ho rivisitato. Anni fa avere creato un LO che però non mi ha mai convinta … e qualche tempo fa ho deciso di rivederlo completamente. La foto risale a ben 10 anni fa ed è un bellissimo ricordo di una vacanza fatta a Rodi con una coppia di carissimi amici. Le protagoniste di questo progetto, oltre naturalmente alla foto, sono timbrate e fustellate. Le fustellate dei fiori e foglie sono state colorate con i gelatos

Mi piace moltissmo il contrasto tra i colori accesi dei fiori e le timbrate nere.

Sovrapponendo varie fustellate una sull’altra, ho realizzato un colibrì tridimensionale usando una carta dal colore molto simile allo sfondo, questo perchè volevo aggiungere un abbellimento senza distogliere l’attenzione dal mio punto focale che è la foto.

Qui il progetto nella sua totalità

Spero di avervi tenuto piacevolmente compagnia.

A presto

Nadia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Meeting ASI che passione: un salto in Sicilia!

Iniziamo questo post col farvi una domanda: qual è l’aspetto dello scrapbooking che amate più di ogni altro?

Forse l’idea di conservare, arricchire e tramandare i vostri ricordi? O magari il senso di liberazione che vi pervade quando inziate a pastrocchiare su un foglio bianco? E non vorremo mica fingere che lo shopping compulsivo non abbia il suo bel perché!?!?

Per quanto ci riguarda tutti quelli che abbiamo appena nominato, così come tanti altri, sono aspetti dello scrap di cui non potremmo mai fare a meno, ma se c’è una cosa che amiamo sopra ogni altra… questi sono i meeting regionali!

Perché, dai.. vuoi mettere la gioia di ritrovarsi tutte insieme, di vedersi finalmente dal vivo, di scambiarsi complimenti, suggerimenti e consigli, di chiacchierare del più e del meno mentre le mani lavorano.. e poi tornare a casa stanche, ma felici, perché i meeting sono quei momenti in cui gli animi si distendono e le batterie si ricaricano (secondo le più recenti ricerche scientifiche, poi,  fanno anche bene alla pelle e spianano le rughe!).


La Sicilia è forse la sede Asi più “giovane” per costituzione. Nata poco più di due anni fa con solo 4 associate, oggi contiamo un manipolo di 36 temerarie che non temono i disagi logistici che questa pur bellissima regione ci costringe ad affrontare ogni volta: per andare incontro alle esigenze di tutte cerchiamo di far ruotare le sedi dei nostri meeting, una difficoltà che si aggiunge a quelle, comuni alle altre regioni, di “incastrare” le esigenze di location, socie, insegnanti e shop!


Proprio per questo motivo noi referenti abbiamo deciso di dedicare un momento all’inizio di ogni meeting per parlare con le nostre socie, rispondendo alle domande e cercando di riflettere insieme sul concetto di “associazione”: una formula che abbiamo sperimentato per la prima volta al meeting che si è tenuto ad Agrigento lo scorso 9 Aprile, ma che intendiamo replicare ad ogni meeting successivo, sperando di coinvolgere sempre di più le nostre socie nella discussione e nella partecipazione.

Proprio per rafforzare lo spirito di gruppo abbiamo chiesto ad alcune socie di collaborare in maniera attiva alla realizzazione del meeting: c’è chi ha creato bellissimi allestimenti, chi ha contribuito ad alzare il tasso glicemico con torte deliziose, chi ha dato una mano con l’accoglienza, chi ha offerto passaggi in auto..


Ma non sarebbe un vero meeting se non ci fosse lo scambio dei pensierini! C’è chi si attiene all’idea di “pensierino” e chi prepara doni che non sfigurerebbero come bomboniere di un matrimonio in casa Windsor, ma tutti indistintamente testimoniano l’affetto e la gioia del ritrovarsi insieme ancora una volta.


Un altro momento fisso dei meeting siciliani è quello dello swap: questa volta non era stato richiesto alle partecipanti di creare un decoro da scambiare, ma di realizzare i propri banner di presentazione per l’iniziativa #asisiamonoi. Guardate un po’ che meraviglia…?!?!


E subito viene il momento di mettersi all’opera! Il progetto di oggi è un delizioso ricettario elaborato da Rosaria Martorana, che è stata bravissima a seguire con calma un gruppo che non è numeroso, ma è indisciplinatissimo. Come premio di tanta pazienza, ognuna è riuscita a terminare il proprio progetto e a portare a casa un piccolo capolavoro handmade.


E così.. un altro meeting si conclude. Un meeting fatto di risate, suggerimenti, chiacchiere, momenti di condivisione e momenti di commozione.. ma anche di km e km macinati nelle due direzioni pur di non mancare, di complicatissimi incastri per affidare i propri figli ai parenti, di mariti e fidanzati condannati ad un’infinita attesa in auto (senza neanche i viveri di prima necessità!). Tutto questo in nome di uno hobby che noi tutte amiamo, certo.. ma soprattutto in nome del puro piacere dello stare insieme, della condivisione.. e della nostra Associazione!


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ovetti e coniglietti

Bentrovati a tutti e buona settimana!

La Pasqua si avvicina ed io ho iniziato a preparare i pensierini per le mie nipotine. Siccome adorano il cioccolato e ricevono tantissime uova, io solitamente preparo loro un piccolo regalino accompagnato dai cioccolatini.

Quest’anno ho pensato ad una scatolina con un buffo coniglietto per contenere tanti ovetti colorati. Ho utilizzato delle patterned allegre e dai colori vivaci, una fustella, un timbro e del twine.

Non sono simpatiche? Io le trovo adorabili

E voi cosa state preparando per Pasqua?

Happy scrap e a presto!

Letizia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

La Creatività dei Soci: Maruà

Salve a tutte, mi chiamo Maura o Maruà come molte di voi mi conoscono. Sono approdata sul fantastico pianeta scrap nel 2014 e non l’ho mai più abbandonato. Sono sempre stata una persona molto creativa, spaziando tra svariati materiali e tecniche ma dopo aver scoperto lo scrapbooking ho trovato la mia reale dimensione. Sono un’appassionata di fotografia di conseguenza amo realizzare layout e mini album, perché nell’era del digitale le foto non si sviluppano più ed è un grandissimo errore. Comunque, basta con le parole e passiamo ai fatti. Sono qua con voi per condividere un mio progetto, ora vi racconto. Dovete sapere che quest’anno la mia figliuola ha compiuto 18 anni e io ho pensato bene di rendere speciali i suoi ultimi trenta giorni da diciasettenne. Ho realizzato un countdown. E’ un’idea che mi è venuta in mente a Natale mentre preparavo alcuni calendari dell’avvento, del resto anche quello è un countdown.

Per realizzarlo ho creato una struttura identica a quella della copertina di un album. Con la fustella della “ Lawn Fawn” “ Tiny Gift Box” ho preparato 29 scatoline che ho numerato e incollato all’interno della copertina.

Ho usato le carte della collezione “Gipsy” di Florilèges, le adoro! All’interno di ogni scatolina erano preseti delle caramelle, ovviamente, ma per ogni giorno vi era anche una frase, piuttosto che una nostra foto insieme o delle indicazioni per una piccola caccia al tesoro.

Ho realizzato l’ultima scatolina, quella del giorno del suo compleanno, con due Fustelle Moda Scrap, “Happy Frame” per creare la scatolina e “magic box” per l’effetto sorpresa.

Questo, care scrappers, è tutto. Ovviamente ho reso Giulia felicissima ed io con lei.

Felice scrap a tutte, un abbraccio Maura.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Un piccolo layout in una maxi tag

Ciao a tutti!

sono Lisa e oggi volevo mostrarvi questo progetto che mi ha divertita moltissimo. C’è una foto di mio figlio che amo particolarmente, ha due anni e sta soffiando le candeline sulla torta del suo compleanno! Era appesa in una cornice con tante altre foto, ma volevo creare qualcosa apposta per questa singola foto, che non fosse una tela o un layout…. così ho pensato ad una maxi tag da appendere

Ho scelto un cartoncino canson da 300gr e ho fatto qualche prova con la foto e gli abbellimenti che avevo scelto per decidere le misure adatte. Alla fine ho tagliato la mia tag a 12x26cm. Ho spennellato un pò di gesso bianco diluito e quando si è asciugato sono passata alla colorazione, prima con degli acrilici spray e poi con il tampone Distress Oxide Fired Brick. Ho deciso la posizione della mia foto e ho effettuato qualche timbrata tutt’intorno utilizzando il tampone Archival black.

Ho incollato foto e abbellimenti usando del biadesivo e per alcuni elementi del biadesivo spessorato. Le scritte le ho create usando una timbrata di Florileges Design e ritagliano quelle che preferivo, mentre il sentiment l’ho creato con la Silhouette Cameo e un cartoncino bianco, che poi ho embossato con la polverina nera glitterata.

Infine ho incollato dei piccoli cuori in gomma e ho fatto degli schizzi con del colore rosso diluito

Spero vi sia piaciuto il mio progetto di oggi, alla prossima!

Lisa

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Mixed Media: la storia

Ciao a tutte,

Oggi continuiamo la rubrica dedicata alle curiosità e alla storia delle tecniche dello scrapbooking..

Nel post di oggi volevo parlarvi della tecnica del Mixed Media

Letteralmente Mixed Media indica una forma di arte nella quale vengono combinati diversi tipi di tecniche e materiali, come ad esempio una tela dipinta con varie tipologie di vernici, inchiostri o spray che la rendono materica e tridimensionale mediante l’utilizzo di differenti tecniche di collage. 

Nel mixed media vengono spesso utilizzati anche oggetti e materiali non necessariamente creati per uso artistico ma che si trovano comunemente in casa.

Questo tipo di tecnica inizia a diffondersi all’inizio del ventesimo secolo quando gli artisti cercano nuovi modi per uscire dai confini dell’arte e della pittura strettamente accademica e iniziano a sperimentare l’utilizzo di nuove tecniche e materiali.

Il quadro di Picasso “Natura morta con sedia impagliata” del 1912 è considerato il primo collage, una tecnica pittorica dove vengono inseriti pezzi i carta, di giornale di manifesti e altri materiali come stoffe e cordoncini e vanno a sostituire la loro resa pittorica.

Picasso: “Natura Morta Con Sedia Impagliata” 1912

La tecnica del mixed media si fonde con il memory keeping tipico dello scrapbooking nella realizzazione di tele e layout (ma anche in semplici tag) dove la scrapper utilizza paste, gesso, inchiostri spray e stencil per dare tridimensionalità e texture al progetto oltre a decorare con embellishment e altri tipi di materiali di uso comune come retine, bottoni o accessori in metallo.

Si tratta di lavori molto dettagliati composti da diverse stratificazioni di materiali che donano al progetto finale l’aspetto di una vera e propria opera d’arte ricca di particolari che non finiscono mai di stupire.

La nostra Lisa è sicuramente una vera maestra di questa tecnica! La sua incredibile abilità nel saper aggiungere quel piccolo particolare che rende un progetto già perfetto una vera opera d’arte mi affascina ogni volta che osservo uno dei suoi lavori!

Ecco qui alcuni esempi di progetti realizzati da Lisa che rappresentano al meglio la tecnica del mixed media applicata allo scrapbooking!

Credit: Lisa Rabellino
Credit: Lisa Rabellino
Credit: Lisa Rabellino
Credit: Lisa Rabellino

Spero che questo post possa darvi la giusta ispirazione per provare a sperimentare questa tecnica nei vostri prossimi progetti!

A presto!

Paola F.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Meeting ASI che passione: un salto in Trentino!

DIETRO LE QUINTE DI UN MEETING

Buongiorno a tutti soci e socie A.s.i., oggi è il nostro turno, referenti del Trentino Alto Adige, di raccontarvi qualcosa riguardo la nostra splendida Associazione!

Ci siamo accorte che molti soci e socie non conoscono i compiti di noi referenti e quindi ci faceva piacere condividere con voi cosa può stare dietro all’organizzazione di un meeting.

Il Trentino Alto Adige è una realtà con tre referenti che sono Antonia, Sara e Veronica che si occupano di gran parte dell’organizzazione del meeting, poi abbiamo delle validissime aiutanti per l’organizzazione e lo svolgimento degli swap.

Prima dell’inizio di ogni anno le referenti di ogni regione devono pensare a delle date per i meeting tenendo conto di molti fattori: fiere, festività particolari e meeting limitrofi poiché si cerca di dare a tutti la possibilità di partecipare non solo ai meeting della propria regione ma anche a quelli delle regioni vicine.

Si cerca poi la location e si contatta (noi siamo fortunate poiché abbiamo un accordo con un Hotel che ci permette di dargli in anticipo tutte le date per prenotare la sala e stare così tranquille da quel punto di vista).

Dopo la programmazione delle date si iniziano a pensare le possibili insegnanti tenendo conto anche qui di molti fattori: si cerca di accontentare un po’ tutti proponendo insegnanti con stili diversi e che insegnino tecniche diverse ma si cerca anche di trovare un’affinità con i prodotti dello shop o degli shop che parteciperanno al meeting.

Non sempre le persone contattate rispondono di sì e non sempre sono disponibili nelle date proposte. Si cerca quindi di organizzarsi al meglio possibile.

Si chiede all’insegnante di poter avere il materiale in tempo per pubblicare il volantino quanto prima possibile e permettere così alle socie di iscriversi e di dare tempo anche allo shop di organizzarsi con i kit. (Per avere il materiale in tempo intendiamo dire che ci serve sapere in maniera molto dettagliata la lista dei materiali da utilizzare e l’anteprima del progetto e ci serve possibilmente più di un mese prima).

Noi in Trentino abbiamo delle splendide persone che ci aiutano con lo swap quindi lasciamo scegliere a loro la maggior parte delle volte cosa proporre e come organizzarsi e loro sono sempre molto entusiaste di farlo!

Poi c’è la parte preparazione del volantino dove si inseriscono tutte le informazioni necessarie in maniera molto precisa onde evitare che le socie facciano fatica a capire materiali del kit o modalità dello swap. Il volantino viene sempre corretto con molta pazienza e dedizione dalla nostra Laura del CD A.s.i. Dopo di ché si passa alla pubblicazione dello stesso.

Si cerca intanto di fare mente locale sul materiale che serve per il meeting: tovaglie, materiali particolari da utilizzare per il progetto, fotocopie della dispensa… ovviamente per tutto ciò ad ogni meeting abbiamo un budget da non superare. Questo spiega ad esempio come mai a volte non riusciamo a stampare a colori le dispense, sarebbe una spesa troppo onerosa e quindi preferiamo stampare in bianco e nero ed inviarla poi la mattina del meeting su whatsapp alle partecipanti.

Ci occupiamo anche di mettere e togliere dalla lista partecipanti chi si iscrive più volte per sbaglio, chi si iscrive e poi non riesce a venire, chi non riesce ad iscriversi ecc. ed inoltre rispondiamo, per quanto possibile, alle domande che ci vengono poste riguardo al meeting dalla pubblicazione del volantino fino al giorno del meeting stesso.

Il giorno del meeting arriviamo prima delle socie per preparare la sala, per mettere tutte le tovaglie, disporre i tavoli, preparare la sala. Per fortuna spesso veniamo aiutate da qualche socia volenterosa! Ci assicuriamo poi che lo shop abbia lo spazio necessario, che l’insegnante abbia tutti i tavoli che le servono a disposizione ed in caso di necessità la aiutiamo a passare tra i tavoli per aiutare le partecipanti. Ci assicuriamo inoltre che l’Hotel non abbia avuto problemi coi pagamenti del pasto, e che lo shop sia soddisfatto dell’esperienza passata con noi.

A fine Meeting riordiniamo la sala, spesso con l’aiuto di qualche socia e poi torniamo a casa. Pochi giorni dopo iniziamo già tutto il lavoro da capo per il meeting successivo. Alla fine di ogni meeting dobbiamo anche aggiornare il file riguardante la contabilità e trasmettere al CD Asi il numero di presenze, gli incassi ed i pagamenti.

Facciamo tutto questo con amore e dedizione, e così ogni altra referente in ogni regione , facendoci guidare dalla passione per il nostro hobby. Ci scusiamo se a volte siamo un po’ concise nelle risposte su whatsapp, a volte può capitare di avere la luna oppure di dimenticarci qualcosa, purtroppo ma anche per fortuna siamo umane. Abbiamo una grande passione per lo Scrapbooking che ci accomuna tutte quante e cerchiamo di svolgere questo compito al nostro meglio sempre e comunque! Accettiamo tutte le critiche, le lamentele e le proposte e cerchiamo di migliorarci ogni giorno assieme in questa realtà piena di carte e colori.

Speriamo in questo post di aver risposto a molte delle vostre curiosità riguardo all’organizzazione di un meeting ed al nostro ruolo di referenti all’interno dell’Associazione.

Buona giornata e felice scrap a tutte!

Un abbraccio da Sara, Antonia e Veronica.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Packaging esagonale

Ciao a tutti e bentrovati!

Oggi tocca a me tenervi compagnia e, strano a dirsi 😉 , ho scelto di proporvi un packaging: delle scatole realizzate da zero con il solo ausilio di bulino e un cd.

Volete provare? Ecco il tutorial…

Per realizzare questo packaging partiamo da un foglio 12”x12” (o 30,5×30,5 cm ). Se decidiamo di utilizzare una patterned meglio che sia di grammatura medio/alta (la mia era 170g) altrimenti possiamo usare anche un cartoncino. Ci serviranno anche una taglierina (meglio se con il cordonatore, o in alternativa uno score board), un bulino, un cd, colla, compasso, carta o cartoncino in tinta con quello scelto, un nastro o del twine. Più timbri e tamponi a piacere per decorare.

Tagliamo a metà la carta (6” o 15,25cm). Iniziamo a cordonare sul lato corto: da un lato a 3/8” (1cm) per creare il fondo, dall’altro a 1 13/16” (4,6cm) per creare la chiusura.

Ruotiamo di 90° e sul lato lungo cordoniamo per 6 volte ogni 1 15/16” (4,9cm), l’ultima striscia rimasta ci servirà per incollare la scatola.

Prendiamo ora un cd e un bulino e segniamo le pieghe come da schema sotto.

Tagliamo le linguette in basso e ai alti che servono per chiudere la scatola. Con la crop-a- dile facciamo due fori su ogni settore (vd. foto).

Con un compasso disegniamo un cerchio di raggio 1 7/8” (4,8cm) su del cartoncino in tinta. Puntiamo poi il compasso sul cerchio disegnato e facciamo un piccolo segno all’incrocio del compasso con il cerchio. Ripetiamo posizionando il compasso sull’incrocio appena creato e continuiamo così fino ad ottenere sei punti che uniremo tra loro (vd. schema).

Ritagliamo lungo le linee ed otteniamo un esagono per fare il fondo della scatola, ne realizziamo due uno da incollare all’esterno e uno all’interno.

Incolliamo la scatola e i due fondi, pieghiamo seguendo le cordonature e infiliamo un nastro per chiudere la scatola ((io ho usato del twine). Decoriamo a piacere con timbri e/o fustellate.

Come si vede dalla foto, dalla metà di patterned rimasta possiamo ottenere una seconda scatola più bassa (partendo da una striscia di 4” – 10,16cm di altezza)

Che ne dite di questo progetto? Spero vi sia piaciuto e che questa mia mania per il packaging non vi venga a noia… ;-P

Alla prossima!

Barbara

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Post Shop: Scrap It Easy

Eccoci col nostro appuntamento mensile per conoscere meglio gli shop sponsor di ASI. Oggi tocca a Scrap it Easy ma passo la parola a Serena:

Ciao sono Serena e oggi voglio raccontarvi la storia di Scrap it Easy -il mio angolo di paradiso- nato a Marzo 2013 quasi per gioco tra un curriculum e l’altro inviato a studi di architettura in tutto il mondo (eh già!! In un passato remoto ero un architetto!!).

Con mia mamma Patrizia, e sostenuta da mio padre e mia sorella Chiara (che poi è entrata a far parte del negozio a tutti gli effetti), abbiamo iniziato quest’avventura a un nazionale Asi portando solo washi tape (centinaia in realtà). Scrap it Easy piano piano si è allargato e da un mucchietto di scotch di carta è nato prima un negozio online, e poi da Gennaio 2019 uno spazio a Roma (di cui vado orgogliosissima) dove fare corsi, selfie, ritrovi mangerecci e scrapposi e soprattutto in cui poter toccare rimirare dal vivo i prodotti. 


Una parte fondamentale in questa storia ce l’hanno le ragazze del nostro DT che (qualcuna dall’inizio) collaborano con noi al 100%, dalle idee che sviluppiamo (sempre insieme!) ai tutorial e tutti i lavori sul blog. 
In questo caso ho chiesto ad Alicia di pensare a qualcosa che racchiudesse un po’ lo spirito di Scrap it Easy e lei ci ha deliziato con un meraviglioso tutorial dal titolo “This is us” che racchiude foto di una bellissima gita di famiglia. Calza a pennello perché Scrap it Easy io lo vedo proprio così, come una meravigliosa gita di famiglia, in cui ogni scrapper che in questi 6 anni si è affacciata sul nostro sito, blog, stand o pagina facebook, prende parte ad un pezzetto del nostro viaggio entrando a far parte della nostra “pazza” famiglia.

Potete scaricare il favoloso tutorial di Alicia offerto da Scrap it Easy Qui

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

La Creatività dei Soci

Buongiorno a tutti cari Soci e buona Giornata della Donna! Siamo al secondo appuntamento con i progetti creativi dei soci delle varie regioni e nella Giornata della Donna non potevamo scegliere rappresentante migliore a cui affidare il compito di ispirarci e guidarci nella realizzazione di una vera delizia di carta e ingegno. La socia in questione è stata l’insegnante con cui ho fatto il primo corso al mio primo Nazionale e in poco tempo è diventata un’amica sincera di risate e scambi continui, alla quale sono molto legata per affetto e stima. È una donna forte, tenace, dai modi schietti e decisi, sbrigativi al limite del brusco, a volte, spigolosa quanto basta per fartela rimanere impressa a fuoco non appena la conosci, generosa oltre misura e dotata di una femminilità impattante e avvolgente. Ed è bellissima. Consiglio a tutti di fare l’esperienza ai regionali dell’Asi Sud ogni volta possibile, perché lei e la sua partner in crime sapranno accogliervi col sorriso del mare baciato dal sole, un calore inimmaginabile e un senso dell’ospitalità antico e radicato che vi farà decidere di non schiodare dalla Puglia per quello che vi avanza di questa vita e delle altre che verranno.

Ovviamente sto parlando di Marilena Sallustio, alias Mary Andri, mitica referente Asi Sud e scrapper appassionata, curiosa e dotata di una memoria da archivio di Stato su nomi, brand, tecniche, timbri e compagnia bella e, in barba al suo fare da sergente delle squadre speciali dì’assalto, con una spiccata predilezione per il colore rosa e quanto di più puccioso e ad alto tasso glicemico offra il mercato in fatto di decorazioni e abbellimenti.

Oggi ci ha dedicato un progetto favolizioso che personalmente non vedo l’ora di riprodurre! Vi lascio alla sua presentazione e alle linee guida che ha tracciato per la realizzazione, buon divertimento a tutti e alla prossima!

Evita

Ciao!

Sono Marilena e con Marina Agrimi sono referente dell’ASI SUD. Su FB mi conoscono tutti come Mary Andri, ho 43 anni, sono sposata e ho una splendida bambina di 9 anni… piccola scrapper in erba e musa di quasi tutti i miei lavori. Vivo in Puglia, precisamente a Molfetta (BA), e lavoro come caporedattrice in una casa editrice. Adoro le tinte pastello, il rosa in particolare, e ho una certa ossessione per gli allestimenti per tutte le occasioni!
E’ proprio per questo motivo che ho pensato di proporre un progettino che può essere anche una simpatica idea regalo: un “Essential Party Kit”. Di cosa si tratta? Una semplicissima scatolina con all’interno tutto l’occorrente per un “mini allestimento” per una festa di compleanno:

In questo caso all’interno della scatolina ho inserito dei coriandoli di carta velina, un banner per torta e una candelina. Si potrebbero aggiungere tante altre cose come, ad esempio, palloncini, cupcake topper e altri piccoli allestimenti.

La dimensione che ho pensato per questa scatolina è quasi come quella di una card: 14,5x12x2 cm. Ma ecco il link in cui potete trovare il procedimento per creare questa semplice struttura e cui mi sono ispirata: http://juliedavison.com/Tutorials/1007_BoxCardWithDrawer.pdf Le misure che ho utilizzato io sono: • PER LA PARTE ESTERNA – un cartoncino di 44×14,5 cm da piegare a 2 – 14 – 16 – 28 – 30 – 42 cm (a differenza del tutorial che vi ho indicato la mia presenta un lato in più da 2 cm che funge da chiusura); • PER IL CASSETTO INTERNO – un cartoncino di 15,4×17,9 cm da piegare ad 1,8 cm su ogni lato.
Ho fustellato una finestra quadrata scallop sul retro della quale ho messo dell’acetato trasparente così da poter vedere il contenuto della scatolina.

Ho infine decorato il tutto con un gioco di timbri, fustelle, abbellimenti, washi tape e polveri da embossing.  Il lato superiore l’ho decorato sia esternamente che internamente. Per la chiusura, invece, ho utilizzato un paio di gocce di Tombow mono liquid glue che, una volta asciutte, rimangono appiccicose e permettono di richiudere la scatolina. Una valida alternativa potrebbero essere delle piccole calamite.

Spero che questo progetto vi sia piaciuto e che possa esservi di ispirazione.
Mary

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather