Archivi autore: Evita Zappadu

Wedding Double Slider Card con taschina porta soldi

Buongiorno Scrappers!

Ho preparato per la mia uscita del Blog di oggi un brevissimo tutorial fotografico per una double slider card matrimoniale con taschina porta soldi. Adoro le card composite che nascondono sorprese ed effetti speciali e ogni volta che ne vedo una, la voglia di riprodurla è irrefrenabile! Per questa ho usato l’accostamento classico e mai banale del kraft col panna e, considerato il fatto che gli sposi si sono uniti e hanno festeggiato in una splendida tenuta in campagna, l’intuizione è stata esatta! Gli abbellimenti vengono dalla collezione “Always & Forever” di Simple Stories e le carte sono della collezione “Faith” di Authentique.

Ecco le foto del tutorial e della creazione ultimata, spero vi piaccia e se vi servono info o chiarimenti non esitata a lasciare un commento!


Buon gioco di carta, Soci belli, alla prossima!

Evita

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfida di Agosto!

Benritrovati Soci cari!

È appena cominciato il caldo agosto di quest’estate stramba e quindi eccoci qui a presentarvi lo sketch per la sfida del mese, invitandovi a partecipare numerosi ed entusiasti.

Questa volta è toccato a me idearlo e quello che sulla carta sembra un inno all’equilibrio armonioso delle parti e degli elementi, nella realtà è diventato una tag da perfetta “azzeccona”, come si dice a Roma di chi ama popolare oltre misura gli spazi vuoti a disposizione!

Spero che vi piacciano sia l’idea alla base dell’ispirazione, sia la realizzazione pratica che ne è venuta fuori. E se non dovesse piacervi qualcosa, potrete sempre rifarvi gli occhi con i lavori magnifici del resto del team e delle due vincitrici della sfida del mese scorso!

Buon divertimento!

Continua a leggere

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Va’ dove ti porta il Sole!

Ciao a tutti soci belli!

Siamo giunti all’ultimo post del mese di giugno e per il cumulativo, noi del dt, abbiamo scelto la luce, il calore e l’allegria dell’estate per dare il benvenuto alla stagione più spensierata e ricca dell’anno.

“Va’ dove ti porta il sole!” quindi, e via alle creazioni colorate e vitaminiche che il tema ci ha ispirato!

Evita ha creato una easel card piuttosto grande di 20×24 cm, usando un timbro digitale e l’ormai immancabile rubber “La Vita è Bella” di FD. Con la chirurgica tecnica dello “spatascio” ha creato macchie di colore al centro della coroncina di fiori e abbellito con paillettes, bottoni e nastri.

Nadia ha realizzato una serie di ATCs dedicate al tema estivo … è partita da una base in cartone dove è andata a lavorare con gesso, stencil, vari inks e un pò di glitters che stanno sempre bene.

Barbara ha realizzato delle spillette a forma di girandola per le vincitrici dello swap all’ultimo meeting ASI Trentino Alto Adige, domenica scorsa.

Un’estate all’insegna del calore del colore, insomma! Vi auguriamo di godervela al meglio e di raccogliere ispirazione e materiale per le vostre prossime, bellissime creazioni!

Noi del dt ❤

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfida Instax: almeno 4 pattern

Nuovo appuntamento con la sfida #catchtheinstax!!

La sfida si svolge in collaborazione con il forum ASI e prevede la realizzazione di layout: a partire dal 6 aprile fino al 6 maggio ogni due giorni troverete un vincolo per realizzare un layout; solo il primo e l’ultimo vincolo saranno presenti sia sul blog che sul forum, gli altri vincoli li troverete solo in uno dei nostri social!

La partecipazione è riservate ai soci/e ASI in regola con il tesseramento.

Ogni layout dovrà contenere:
– una foto instax
– un elemento colore pantone ultraviolet (il colore del 2018)
– un terzo vincolo che vi verrà presentato ogni due giorni o sul blog o sul forum

ed essere condiviso oltre che sul blog o forum a seconda di dove è stato messo il vincolo anche su instagram con i seguenti hastag #catchtheinstax #asisiamonoi il tag @instaxitalia @associazionescrappers.

Per pubblicare i vostri layout ed eventualmente recuperare quelli dei vincoli precedenti avrete tempo fino al 10 maggio!

Alla fine del mese i vincitori verranno scelti da Fujifilm per Instax Italia.

Vincolo: almeno 4 pattern.

Per questa sfida ho usato tre foto prese dal web che hanno le instax mini come protagoniste e mi sono lasciata andare al potere suggestivo della campagna d’estate e dei suoi colori terreni caldi e baciati dal sole. I ritagli di carta pattern che popolano la caotica scrivania di ogni sana scrapper hanno fatto da base e da cornice alle foto, al gesso, agli abbellimenti e ai dylusion ink spray usati per sporcare di colore la romantica grafica stampata sul kraft.

Spero vi piaccia e partecipate numerosi! Fra due giorni il nuovo vincolo della sfida vi aspetta sul forum!

Buon lavoro a tutti,

Evita.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il Nostro Nazionale e la fantastica occasione per vincere un ingresso omaggio per Abilmente Vicenza Ed.Primavera

Buongiorno ai Soci più belli del mondo!

Siamo reduci (e un po’ orfani) dal Nazionale conclusosi quasi tre settimane fa e noi del DT abbiamo pensato di fare un post cumulativo che racconti le emozioni che abbiamo provato e quello che ci siamo riportate a casa, oltre agli acquisti, dopo una 3 giorni intensissima e ricca di entusiasmo umano e creativo.

Con l’occasione vi ricordiamo il prossimo appuntamento ASI alla Fiera Abilmente di Vicenza dal 15 al 18 marzo, e invitandovi a venirci a trovare numerosi, mettiamo in palio 3 biglietti omaggio offerti dall’Organizzazione. Per aggiudicarvene uno non dovete far altro che linkare il vostro blog e mettere il vostro nome in fondo a questo articolo entro il 10 marzo e confidare nella buona sorte: i vincitori verranno sorteggiati random e i loro nomi pubblicati a caratteri cubitali sulle principali testate giornalistiche mondiali, oltreché ovviamente sul blog e sulle pagine social dell’ASI. Buona fortuna a tutti!

***

Enjoy the Journey… in ascensore!

Alzi la mano chi non ha passato minuti interminabili fra un corso e l’altro nell’attesa mistica dell’ascensore! Alzi la mano chi una volta dentro, nello spazio quadrato di uno sgabuzzino con lo specchio e durante tragitti eufemisticamente rinominati “ferma a tutte le stazioni”, non ha avuto il piacere di conoscere nel profondo soci di altre regioni fino a quel momento intravisti solo su fb, e in alcuni casi stringere e consolidare con loro amicizie temprate come quelle di una vita! E alzino la mano i gruppi di fortunelli rimasti bloccati per eccesso di partecipanti alla festa! Che poi io ho pure provato una volta a unirmi al manipolo di valorosi che facevano le scale, ma essendo ubicata all’ottavo piano dell’albergo e intrappolata da secoli nel corpo non mio di un cetaceo spiaggiato, ho capito praticamente subito che conveniva lasciar correre l’ansia lontano e mettersi serenamente in fila per tutto il tempo necessario a non consumare neanche una delle calorie assunte grazie ai manicaretti copiosi e squisiti con cui venivamo rimpinzati dalla cucina strepitosa. E infatti porto a casa tutto il meglio che si possa immaginare: la gioia e la leggerezza di 3 giorni sospesi in vacanza dal quotidiano che non smette di correrti appresso quando sei a casa, una full immersion di creatività ricchissima di spunti e ispirazione, la perdizione negli shop, i sorrisi e la competenza delle meravigliose insegnanti, l’organizzazione titanica e impagabile delle ragazze del team, la presenza materna e generosa del direttivo, il saluto dolcissimo di Claudia Casella, le mie vecchie e nuove compagne di avventura e di amore per la carta, il sorriso felice di quando a 7 anni mi avvolgevano nel sacco della pattumiera per contenere i “danni” del troppo colore. E dato che il colore è calore, porto a casa anche un senso smisurato di gratitudine per aver trovato dei pazzi pronti a giocare con me in questo instancabile ASI-lo per adulti. Peccato solo che a causa dell’organizzazione impeccabile e dei tempi svizzeri dei corsi, non abbia materialmente avuto modo di concretizzare la storia d’amore della vita con il barbuto manager del ristorante, e mi sia dovuta accontentare di un accenno di accordo evanescente come la nebbia in un film francese. Mi rifarò di sicuro al prossimo giro! 😉

Evita

***

Il primo Nazionale da Insegnante

È difficile spiegare cosa sia stato per me questo nazionale Asi, questa volta come insegnante… perché dall’emozione iniziale è arrivata presto l’ansia per la creazione di un progetto di mixed media che avrebbero dovuto realizzare i corsisti in 3 ore! Ok, mi sono detta, ma se poi non piace?? Non volevo deludere nessuno. Ma le mie preoccupazioni sono presto sparite, e sono rimasta letteralmente senza parole nel vedere quanta partecipazione e entusiasmo c’è stata nei miei corsi….non me l’aspettavo! Tutti i ringraziamenti e i complimenti ricevuti mi hanno riempito il cuore di felicità, e mi hanno ripagata di tutte le difficoltà e dubbi che ho affrontato. Grazie pertanto a chi ha creduto in me e a tutti voi che hanno condiviso con me questo nazionale nell’insegna del favoloso mixed media!

Lisa

***

Il primo Nazionale come Shop

Sono al mio terzo Nazionale ma quest’anno l’ho vissuto in maniera diversa ed inedita. Quest’anno la mia partecipazione è stata come Shop. Non crediate che per noi shop il nazionale sia “solo” organizzare la trasferta, Magari!!! Chi come me ha partecipato alla realizzazione dei famigerati Kit, ha vissuto e condiviso stress ed ansia, per materiali introvabili prima e pacchi che non arrivavano dopo!! Se solo poteste sbirciare nel nostro gruppo wathsapp, centinaia di messaggi a tutte le ore!!
Ma nonostante tutto il lavoro, è stato bellissimo! Vivere la solidarietà, il supporto, la condivisione e la collaborazione con persone fantastiche, con alcune delle quali non c’era mai stato modo di conoscersi prima è una delle magie del Nazionale ASI. In questo contesto si sono create nuove amicizie e consolidate le vecchie. Io da novellina sono stata aiutata, supportata e consigliata come una collega e non come una concorrente.
Naturalmente stare in uno shop mi ha consentito di conoscere molte delle fantastiche socie che rendono ASI quello che è, e hanno in pate mitigato l’invidia per non aver potuto partecipare agli splendidi corsi proposti.

Per tutto ciò ringrazio e saluto tutti gli shop (il mio compreso!!!) che hanno partecipato, rigorosamente in ordine alfabetico:
Di corso in Corso
Fate le creative
Hobby Embo
ImmagineLab
La Magnolia
Pezze e Colori
Piccole Passioni
Romanticherie
Scrap it Easy
Yuppla Craft
e ModaScarp che ha partecipato con dimostrazioni

Gelsomina

***

 

Conoscere finalmente le mie ” colleghe di DT”

purtroppo in questa foto non siamo al completo…

Ogni nazionale è un mondo a parte, un’esperienza vissuta in modo diverso, di questo sono certa, anche se quello trascorso è stato per me solo il secondo. Lo scorso anno, novellina del mondo ASI , ho vissuto il meeting di Assago tutto d’un fiato, travolta da mille emozioni, euforica come una bambina…anche se bambina certo non sono! Nuove amicizie, mille stimoli, tanta curiosità per questo week end nel quale finalmente mi ero ritagliata del tempo per me!  Il meeting di Verona invece mi ha permesso di abbracciare finalmente le “colleghe” del DT con le quali da qualche mese ho intrapreso questa bellissima avventura! Poter finalmente dare un volto a ciascuna di loro, scambiare qualche parola, qualche abbraccio sarà sicuramente il ricordo che porterò con me fino al prossimo Nazionale!

Patrizia

 

Vivere il viaggio con una compagna di avventura

Ogni nazionale è diverso e bellissimo, ma una alcune cose rimangono sempre le stesse: l’emozione di esserci, l’eccitazione di partecipare ai corsi e di fare shopping, la voglia di riabbracciare le vecchie amiche, l’emozione di conoscerne personalmente altre. Per me una costante dei miei nazionali è la mia compagna di stanza Ornella, la stessa da 5 anni con la quale condivido questa bellissima esperienza ma soprattutto le varie pazzie!

Letizia

 Loading InLinkz ...
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Porta Pensierini del Nazionale

Ciao soci!

Il meeting Nazionale a Verona si è appena concluso e ho ancora nelle orecchie le risate ininterrotte di questi 3 giorni insieme all’insegna dell’entusiasmo, le valigie da riporre, il materiale da sistemare e la routine del quotidiano da ricominciare a mordere, che è subito tempo di aggiornare il blog e oggi, fortunella, tocca a me farlo.

Pensa e ripensa, mumble mumble, che ecco che lo sguardo cade sulla busta degli omaggi ricevuti quest’anno ed è subito idea!

Ho realizzato così una scatoletta porta-gadget veloce, pratica e di sicuro effetto.

Grazie a tutti per questi pensierini handmade in tema ogni anno più belli, ho gradito ognuno di essi, dalle fustellate, ai timbri, alle tag, alle spille, ai portachiavi.

Vi lascio al tutorial di questa semplicissima creazione su bazzill kraft, arricchita dal timbro fresco fresco di Creative Studio, colorato con le matite acquerellabili di Faber Castell. La strada della colorazione è ancora sterminata davanti a me, ma se aspetto di pubblicare solo risultati perfetti del mio amore per il colore, temo per me e per voi, che dovremmo darci appuntamento fra 4 vite!

Perciò viva sempre e comunque le imperfezioni che rendono la vita degna di essere ricordata e che, in quest’hobby in particolare, fanno quella speciale differenza che sa di magia.

Alla prossima, belli miei!

Evita ❤

Su un Bazzil Kraft di 31.5 cm x 25,5cm effettuare le pieghe a 8,5 cm, avendo cura di lasciare un rettangolo centrale di 14,5 cm, e tagliare in diagonale i riquadri esterni come da modello.

Incollare i lembi rimasti dei riquadri nella parte interna ai lati della scatola. Qui ho usato il tubetto di colla Rayher in omaggio nella Goodie Bag, ottimo prodotto per densità e velocità di asciugatura.

Sporcare i bordi della scatola ottenuta e della carta pattern per dare spessore e un effetto “naturalmente invecchiato”.

Rivestire con carta pattern a piacimento i lati della scatola.

Timbrare e colorare a piacimento ed eventualmente evidenziare piccoli dettagli, come io ho fatto col cuore del van, con una puntina di Glossy Accents.

Ed ecco il risultato finito!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Il blocco della Principessa

Qualche tempo fa una neo mamma entusiasta sostenitrice dell’handmade mi ha chiesto di realizzare un album speciale per la sua bambina, talmente speciale che doveva raccontare di regni fatati, sogni rosa e della felice e fortunata condizione di essere nata principessa nei cuori e nelle vite dei suoi genitori. Tutto magico, bellissimo e chiaro, no?

No, affatto, un’ansia da prestazione e un blocco creativo mai vissuti prima. Nessuna delle idee che cercavo di raccimolare e applicare mi convinceva e più il tempo passava più venivano meno la spensieratezza e il gioco indispensabili sempre nella vita e nello scrap in modo particolare.

La verità è che quando mettiamo in moto la fantasia sappiamo, forse, da dove partiamo, e possiamo solo sommariamente immaginare dove arriveremo, soprattutto perché nel viaggio scateniamo in noi un domino di pensieri e suggestioni a caduta libera strettamente connessi e dipendenti fra loro.

E così, quando ho fatto i conti con la mia incapacità, fin da piccolissima, di vedermi e sentirmi principessa, ho sbloccato le mie resistenze, accettando che una bambina possa sognare, anche da adulta, una vita in rosa su una nuvola di tulle, senza per questo combattere meno, pensare peggio e dire addio alla realizzazione dei propri talenti umani.

Quel progetto l’ho portato a termine gloriosamente alla fine e la magia che si è scatenata è stata tale che da quel momento sono diventata una “specialista” del tema.

Questo è l’ultimo album del genere che ho sfornato, partendo da un set di template in catone pressato, da cui ho ricavato e ritagliato la sagoma su cartoncino e carta pattern. Le carte usate appartengono a mille collezioni diverse, perché se principessa deve essere, che sia insaziabilmente curiosa, colorata e abbinata alla vita che non è mai uguale a se stessa.

Evita

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Natale con i Tuoi

Faccio parte di una famiglia di “scappati di casa” in cui la maggior parte dei componenti ha cercato e trovato la sua strada lontano dal luogo di origine, la nostra amata Sardegna. Il viaggio e il cambiamento sono da sempre una costante nelle nostre vite mosse come il vento isolano che ci portiamo dentro e questo ci regala l’enorme fortuna di avere punti di approdo sparsi ogni volta che sentiamo il bisogno di prendere un aereo per riabbracciarci.

Fino a qualche anno fa però avevamo una certezza che si è pian piano dileguata in modo costante e sommesso: ci riunivamo (o facevamo il possibile) per trascorrere le festività natalizie insieme a casa dei nonni. Superfluo rievocare il calore e le calorie di quei Natali indimenticabili in cui eravamo nel posto giusto come da nessun’altra parte, e inutile anche farsi prendere dalla struggente malinconia che tutto sommerge se la lasci fare. Ma che quell’atmosfera sospesa mi manca lo voglio dire e visto che le parole le digito al pc, le mie emozioni più infantili e radicate le metto su carta.

Per questo ho “costruito” un layout sconclusionato e fuori dalle regole, caotico e inzeppato, sicuramente poco “stiloso”, ma carico del desiderio di riunirci tutti, almeno idealmente, per festeggiare come si deve con chi conosce di noi le cose più imbarazzanti che mai vorremmo venissero rivelate al mondo degli affetti nuovi, e con i nipoti dell’ultima generazione, che hanno il diritto di sapere di cosa sono capaci “i grandi di casa”  se si mettono d’impegno.

Buon Natale Soci, a Voi e alle Vostre Famiglie.

Inzeppate le vostre vite e le vostre creazioni di tutto l’amore che c’è, perché in fondo che ci rimane in mano del viaggio se non questo?

Evita

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Shadow Box Zenzero e Cannella

Kieran è mio nipote, il primo, figlio di una cugina con cui siamo cresciute da sorelle.

La sera in cui ci diede la notizia della gravidanza eravamo tutti a casa di nonna, dopo il suo funerale, alle lacrime per la perdita dell’elemento portante della nostra famiglia di donne mai ferme si unirono immediate quelle di una gioia strana, composta da briciole di speranza, scaglie di aspettative e dall’olio balsamico della vita che malgrado tutto non smette di continuare e sopravvivere a se stessa. Ho amato oltre ogni decenza questo biondo miscuglio di Irlanda, America, Sardegna e Spagna dal preciso istante in cui l’ho visto, sei mesi dopo la sua nascita, iniziando con lui un rapporto speciale zia/nipote fatto di regole e dettagli in continua evoluzione.

Negli anni mi sono fatta inseguire col cucchiaio per assaggiare ogni cosa gli venisse in mente di prepararmi, ho inventato storie della buona notte fuoriere di segreti e confessioni difficili da dire a mamma e daddy, sono diventata la zia panino in lotta fino all’ultimo cuscino contro il bambino banana, ho imparato a leggere libri in spagnolo corretta ogni tre per due nella pronuncia anche della punteggiatura, ho cantato, ballato, riso, cucinato, spiegato, insegnato, appreso, ma soprattutto deposto le armi e ogni residuo di dignità rimasto, di fronte a questo piccolo guerriero dall’anima antica tanto affine alla mia, blu come i suoi occhi.

E oggi che diventa sempre più grande e tira fuori ad appena sette anni l’atteggiamento carico di sicumera e sfida degli adolescenti in contrapposizione col mondo, quasi mi manca il terreno sotto i piedi all’idea di dovermi abituare alla rinuncia di tutto il morbido che avevamo in cambio di sguardi a mezz’asta e risposte brusche e scortesi da farti prudere la pazienza e contare fino a 6849 prima di agire. Ma è la regola del gioco: passa lui dove siamo passati tutti, e una volta completato il processo tornerà al nido come lo splendido adulto che merita di diventare, spero, mi auguro, altrimenti lo corco davvero!

Nel frattempo, in attesa di volare a Barcellona per sbaciucchiarmelo tutto contro la sua volontà, ho creato questa shadow box per custodire il momento in cui a un anno e mezzo, nel suo primo viaggio negli States a casa di grandma, scoprì l’ebrezza di fare il bagno nelle foglie d’autunno accatastate in giardino. E mi auguro che il suo sorriso e la felicità che contiene, regali il buonumore a voi come fa con me ogni volta che lo guardo.

 

     

   

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Nuovo DT: Evita Zappadu

Inizia l’Avventura!

Ragazzi che emozione inaugurare creativamente il mese di settembre sul blog ASI con un mio gioco di carta! Ma se continuo a pensare a cosa scrivere e a come farlo nel modo migliore, finisce che non pubblico nulla e buco clamorosamente quest’appuntamento con la storia, quindi calma, sangue freddo e ordine.

Mi chiamo Evita, sono una giovanissima irriducibile di 43 anni e ad agosto sono entrata a far parte del dt di questo blog stupendo. Ho dato nome, forma e sostanza alla mia eterna passione viscerale per la carta e tutto l’universo che le gravita intorno, meno di 4 anni fa, grazie a un’amica che mi ha coraggiosamente coinvolta insieme a un gruppo di altre sciroccate nei preparativi della festa per il primo compleanno delle sue gemelline. Fino a quel momento avevo maneggiato le forbici nella triste banalità dell’uso quotidiano come più o meno tutti e, cosa fondamentale, ero beatamente e incrollabilmente certa di non avere uno straccio di talento manuale. Mi risolsi perciò a eseguire le direttive delle altre, più esperte e pazienti di me coi vari lavoretti di decorazione, e a dare il mio contributo umano più che pratico alla buona riuscita della festa, che ovviamente riuscì alla grande. Una volta finito l’appuntamento settimanale con quella sorta di dopo scuola che avevamo creato per giocare alle designer, però, il vuoto dentro, il mal d’amore, una saudade che levati. Perciò, dato che se inizio a perdermi nei miei melodrammi interiori, finisco per giocare a risiko con paturnie più invincibili di iron man, mi sono risolta a imparare a giocare con gli elementi che mi mancavano come l’aria: la carta, le forbici e la colla. La mia nuova, salvifica, perfetta ricetta della felicità.

Tanti giochi si sono susseguiti da allora, tanti esperimenti, tantissimo materiale sognato, acquistato, modificato, utilizzato. In questi anni ho sperimentato la costanza (attitudine che nemmeno pensavo di possedere) di informarmi, rubare tempo e spazio a tutto nella mia quotidianità per scoprire, imparare, testare, superare limiti alla fine solo mentali e creare, addormentandomi con la visione di tutorial in ogni lingua possibile, svegliandomi col pensiero di riprodurre e trasferire su carta emozioni, ricordi, momenti, narrazioni. Grazie all’ASI ho fin da subito trovato delle compagne di viaggio preziosissime che nel frattempo sono diventate amiche e punti di riferimento importanti nella mia vita sempre incasinata e in continuo fermento. E ad agosto questo regalo bellissimo che mi ha commossa, onorata e messa una strizza addosso che neanche il primo esame all’università. Perciò siate adorabili e clementi col primo gioco di carta che vi presento, belli miei, perché ho pur sempre una sensibilità da difendere.

Per il tutorial passo-passo ho creato uno zainetto da campeggio abbastanza profondo per contenere il mini album abbinato e altre foto sfuse delle vacanze appena trascorse. Le fantasie utilizzate sono un misto fra i colori vivaci dell’estate e quelli caldi dell’autunno alle porte. Mi sono divertita e gasata a realizzarlo e spero vi piaccia il risultato almeno quanto a me è piaciuto il viaggio. A presto, soci!

Potete trovare i miei giochi di carta sulla pagina fb https://www.facebook.com/scrapandgo/

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather