Archivi categoria: DT

Scrap con i bimbi: segnalibri colorati

Ciao a tutti!

sono Lisa e oggi volevo presentarvi un progettino facile facile che ho realizzato con mio figlio Federico di 7 anni

Per realizzarli abbiamo preso dei cartoncini per acquarello che ho tagliato a misura di 9×16 cm. Con il tampone versamark abbiamo timbrato alcuni oggetti di un set di timbri che piacevano a mio figlio, e li abbiamo embossati con la polverina nera glitter.

Il risultato è stato questo:

Poi su un pezzo di plastica abbiamo tamponato dei tamponi Distress Oxide nei colori giallo, azzurro e rosa

In seguito li abbiamo spruzzati leggermente con l’acqua

Ora la parte più divertente! Abbiamo preso i nostri cartoncini e li abbiamo tamponati sui colori

E magia….

Abbiamo asciugato con l’embosser e ripetuto l’operazione negli angoli

Poi con una penna waterproof abbiamo disegnato a mano libera delle cornicette sui nostri segnalibri

E il risultato è stato questo! Il segnalibro con disegnati i libri l’ho creato io mentre gli altri due li ha realizzati mio figlio… è stato bravissimo vero?

Per oggi è tutto! alla prossima da Lisa e Federico 🙂

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Cornici Brothers

Ciao a tutte!!

Per il mio primo post Asi del 2019 voglio mostrarvi uno dei miei ultimi progettini!

Ho realizzato per i bimbi di una mia cara amica due piccole cornici per decorare la loro cameretta.

Le cornici possono ospitare due fotografie 10x8cm, sono realizzate con cartoncino di recupero e ricoperte di carta patterned; come palette colori ho scelto i toni maschili su verde/marrone e blu con piccoli accent di colore rosso.

La struttura misura 16cm ed è realizzata con cartoncino pressato 3mm ricoperto di carta patterned utilizzando la stessa tecnica che viene utilizzata per le copertine dei mini album.

Per decorare la copertina ho fustellato la scritta Brothers con la mia amata Silhouette e ho decorato con cuori e scritte ed una piccola tag.

L’interno è decorato con stelle e nuvolette e completato con i nomi dei bimbi fustellati con la Silhouette. 

Spero che il mio progetto vi piaccia e possa ispirare le vostre creazioni!

A presto!

Paola F.


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Un mini dolcissimo

Ciao a tutti oggi io, Letizia, vorrei mostrarvi un mini dai colori allegri e vivaci che ho realizzato in occasione della Prima Comunione di mia nipote.

Durante il pranzo abbiamo scattato un po’ di foto con la Instax con l’intento di inserire le foto in un mini album simpatico e colorato. Per la struttura del mini ho seguito un progetto di Francesca Biancon realizzato ad un suo corso lo scorso anno.

Per le decorazioni ho mescolato fustellate, timbri e timbrate ritagliate per movimentare le pagine.

Ecco il mini:

 

 

 

Spero possa esservi d’ispirazione!

Happy scrap

Letizia

 

 Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

E’ quasi ora di San Valentino…

Ciao a tutti e bentrovati!!!

Passati Natale, Capodanno e Befane varie tocca trovare qualcos’altro con cui pastrugnare.

Ci avete pensato che manca un mese a San Valentino? Vorrete mica farvi trovare impreparate? Sia mai…

Oggi vi propongo un piccolo packaging, che io ho pensato per un cioccolatino ma che, cambiando e adeguando le misure, può essere adattato anche a oggetti più voluminosi.

Partiamo da un foglio di cardstock o patterned pesantina ( io ho utilizzato del Bazzil rosa pallido) di 6″x6″ (o 15×15 cm) e cordoniamo come da foto sotto: a 2″ e 4″ (5 e 10 cm) poi giriamo di 90° il foglio e ripetiamo la cordonatura a 2″ e 4″.

A questo punto cordoniamo in diagonale il centro dei 4 quadrati agli angoli e al centro (3″ o 7,5cm) dei lati superiore e inferiore per circa 1,5cm. Al centro dei due lati verticali facciamo invece due fori con la crop-a-dile.

Tagliamo poi in diagonale i quattro angoli esterni e segniamo bene le cordonature con una pieghetta.

Diamo forma alla scatoline seguendo le pieghe e alternando le piegature a monte e a valle ed ecco il risultato…

La scatolina si chiude senza l’utilizzo della colla, semplicemente con un po’ di twine.

Per la decorazione io ho utilizzato due cerchi punchati, uno scallop e uno liscio, e un bannerino sul quale ho timbrato un sentiment di Carta Bella.

Clean&Simple ma fa il suo lavoro 😉

E voi avete già pensato cosa realizzare per San Valentino? Forza, che manca poco!!!

Alla prossima,

Barbara

 

 Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Happy New Year!!!

A tutte le nostre socie (e non) i nostri migliori auguri di buon anno nuovo!

Il DT si prende un po’ di vacanze per tornare presto con nuove idee e proposte, nel frattempo in alto i calici e che il 2019 ci porti tutto quello che desideriamo!!!

A presto!!!Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

SketchiAMO: sfida di novembre

Ciao a tutti e benritrovati al nostro appuntamento mensile con gli sketch 🙂

Questa volta tocca a me proporre l’ispirazione ed ho optato per qualcosa di decisamente clean&simple, eccolo a voi.

Ed ecco come noi del DT lo abbiamo interpretato.

Patrizia ha realizzato una card con relativa busta per accompagnare un mini album creato per una amica diventata mamma, utilizzando dei ritagli della stessa collezione del mini e una card PL .

Letizia ha realizzato una tag nei colori viola/fucsia per un Unconventional Christmas

Infine io, Barbara, ho realizzato una tag molto basic, in bianco e rosa con qualche tocco di nero.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Dolcetto o scherzetto?

Avete preparato i dolcetti per i bimbi che verranno a suonare alle vostre porte il 31ottobre? Io si ed ho anche realizzato un packaging speciale per le mie nipotine.

Ho realizzato delle caramelline porta cioccolatini utilizzando la envelope punch board.

 

Sono partita da una patterned  misura cm 17,5 x 12,5 ed ho cordonato sul lato lungo a cm 4, 8, 12, 16 e poi sul lato corto a cm 2,5 e a 10

Ho segnato le pieghe ed ho iniziato a punchare tutte le sezioni piegando ogni volta

Ho fatto le codine alla caramella punchando ogni sezione dell’altro lato

infine ho assemblato la caramella incollando i lati

Non sono simpatiche?

Io le trovo allegre e versatile ed adattabili a molte occasioni, io le ho anche realizzate per la comunione di mia figlia come scatoline portaconfetti.

Ma ora torniamo a noi, dolcetto o scherzetto?

Happy Halloween

Letizia 🙂

 Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Layout dreamy background

Ciao a tutti!

sono Lisa e oggi volevo mostrarvi questo layout, realizzato su cartoncino canson e colori in polvere

Lo sfondo è stato realizzato con uno stencil a centrino, che ho prima appoggiato su un pezzo di plastica e sul quale ho fatto cadere qua e là i miei colori in polvere. Poi ho spruzzato un pò d’acqua, l’ho rovesciato e appoggiato sul mio cartoncino canson e……magia…..

I colori sono stupendi e creano delle sfumature pazzesche!

Una volta asciutto ho fatto delle timbrate, con il tampone Archival nero e altre con il Versamark che ho embossato con la polverina bianca opaca.

Ho aggiunto tantissimi abbellimenti in cartoncino e in chipboard e la mia foto contornata da una cornicetta glitter dorata

Una volta soddisfatta del risultato ho fatto sgocciolare del colore acrilico bianco liquido e il mio coloratissimo layout è pronto per il mio album di ricordi

Spero di avervi ispirati per oggi, alla prossima!

LisaFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Travel around the world

Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi.

Ciao a tutti! Eccoci tornati con il post di fine mese, visto che è un periodo di vacanze abbiamo deciso di dedicarlo al viaggio! A chi non piace viaggiare? O chi non ha un viaggio dei sogni?… E poi il piacere di riviverlo ricordando…
Susanna ha realizzato una piccola box card, pronta ad esplodere, sulle tonalità del bianco e nero, che racconta del pensiero prima del viaggio, quando ancora è un progetto in itinere e tutto il mondo è una possibilità…
 
Patrizia ha realizzato una card totalmente con dei timbri, realizzando sia la “patterned” di fondo, sia il soggetto principale che, parlando di viaggi, per lei non poteva essere altro che un simpatico furgoncino Wolkswagen!

Barbara ha realizzato un packaging a forma di valigia, aggiungendo delle semplici decorazioni alla fustella Matchbox di Tim Holtz.

Nadia he creato una tag che accompanerà un libro che sarà portato in vancanza

E voi, siete pronte per partire?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ma tu la segui la moda?

Ciao! Ma voi la moda la seguite? noooo…non sto parlando di quella moda…vestiti, scarpe, borse…, sto parlando della moda legata allo scrap! eh sì, anche lo scrap ha sempre di più le sue mode: ogni stagione escono collezioni sempre nuove, ci sono i “must have” (taglierine, colle…), i classici per ogni occasione (bazzil, vellum…) e, proprio come nella moda, i prodotti a volte ritornano! Ecco proprio di uno di questi prodotti vi voglio parlare, gli EMBOSSING FOLDER!

Innanzi tutto facciamo un po’ di chiarezza soprattutto per chi è alle prime armi. Per embossing si intende un (di)segno in rilievo che permette di ottenere disegni, decorazioni, texture personalizzate su varie superfici: principalmente carta, acetato, vellum ma anche stoffa , sottili lamine metalliche, legno…

Come si ottengono questi effetti? Esistono varie tecniche, alcune più semplici e altre un po’ più complesse.

Embossing a caldo (tecnica Heat): questa tecnica prevede l’utilizzo di uno strumento, la heat gun, comunemente conosciuta come soffiatore a caldo, di un timbro o di uno stencil, di un’inchiostro a lenta asciugatura (trasparente o colorato) e di una polvere da embossing, cioè di una polvere che con l’azione del calore si “gonfia”.

La tecnica è estremamente semplice ma conoscere alcuni trucchetti può migliorare il risultato finale! Una volta scelto il materiale da embossare cospargere la superficie con una polvere antistatica per fare in modo che la polvere da embossing aderisca solamente all’immagine timbrata con l’inchiostro. In commercio ne esistono sotto forma di cuscinetto o di barattolino dotato di applicatore a pennello. In mancanza di queste si può utilizzare del semplice borotalco o un panno antistatico di quelli che si utilizzano per raccogliere la polvere dai pavimenti. Si procede poi inchiostrando il timbro (perfetti sia quelli clear, in silicone, che quelli montati) con un inchiostro a lenta asciugatura. Potremmo scegliere tra un ink trasparente (tipo versamark) o uno colorato, a seconda dell’effetto che vogliamo ottenere. L’accoppiamento del tipo di ink e di polvere definisce il risultato. Se ad esempio utilizzeremo un ink trasparente con una polvere clear, otterremo un effetto tono su tono lucido, quasi un effetto bagnato. Se utilizzeremo invece una polvere colorata otterremmo una timbrata in rilievo di quel colore. Quando utilizziamo ink colorati le polveri più indicate sono ovviamente quelle clear o al massimo clear con glitter. La timbrata finale sarà quindi in rilievo e del colore dell’ink usato. Una volta timbrata, la superficie va cosparsa abbondantemente con la polvere. Provate ad utilizzare anche polveri di colori diversi sulla stessa timbrata, otterrete bellissime sfumature. La polvere in eccesso verrà raccolta e ovviamente riutilizzata. Se dovessero esserci delle parti indesiderate dove la polvere, malgrado tutte le precauzioni, si fosse attaccata, potete utilizzare un piccolo pennello per pulirle. Usare la heat gun in verticale per rapprendere le polveri. Le polveri una volta fissate con l’embosser diventano waterproof quindi se ci dipingiamo sopra la carta si colorerà ma la figura che abbiamo embossato rimarrà del colore iniziale.

Una curiosità: se ce la caviamo bene con il brush lettering o se vogliamo sperimentare dei disegni fatti a mano, esistono delle “penne” dedicate  ad inchiostro a lenta asciugatura. Guardate qui che meraviglia questo LO di Federica Reale nel quale ha utilizzato proprio questa tecnica! Altra alternativa all’utilizzo dei timbri possono essere le mascherine per stencil sulle quali tamponeremo direttamente con il tampone a lenta asciugatura.

Cosa possiamo embossare a caldo? possiamo embossare ogni superficie la cui struttura non si alteri con il calore. Qui di seguito ecco alcuni esempi:

vellum

acetato resistente al calore

 

stoffa…un progetto di Ilaria

http://hobby-di-carta.blogspot.com/2011/05/come-si-fa-linchiostro-versamark-by.html

legno…un progetto natalizio di Barbara

http://www.dicorsoincorso.it/2012/10/08/home-decor-noel-2/

e ovviamente carta

Embossing a freddo ( tecnica Dry): questa tecnica prevede la realizzazione di un rilievo su un materiale imprimendolo meccanicamente sul materiale stesso. Questo tipo di embossing possiamo realizzarlo con il metodo più classico, lavagna luminosa, mascherina e bulino, oppure più “comodamente” con gli embossing folder appunto. Cosa sono? sono delle cartelline che si aprono a libro e che al loro interno hanno due facce che si incastrano perfettamente: una con il positivo e l’altra con il negativo dell’immagine che vogliamo imprimere. Come facciamo ad imprimere il rilievo? Dovremo inserire il materiale che abbiamo deciso di utilizzare all’interno del folder, facendo attenzione a centrarlo in base a dove vogliamo il rilievo. Per imprimere quest’ultimo dovremmo inserire il sandwich ottenuto  tra i due piani da taglio e inserire il tutto in una macchina da taglio, tipo la big shot che lo presserà. Esistono dei folder di “ultima generazione” con i quali si ottengono degli effetti 3D spettacolari, nei quali il rilievo si sviluppa su vari livelli.

E’ possibile realizzare una stampa a rilievo con gli inchiostri utilizzando la big shot e le embossing folder unite ad inchiostri di vario tipo. a seconda si inchiostri una o l’altra superficie interna del folder, si otterrà un effetto in positivo o in negativo della colorazione.

Cosa possiamo embossare a freddo?

Possiamo embossare carta, cartoncino, vellum, fogli di lamina metallica, stoffa (trattata precedentemente con collanti specifici o colla vinilica). Alcuni brand hanno recentemente prodotto dei cartoncini specifici per questo tipo di embossing con i quali si ottiene un effetto particolarmente definito. Esistono in commercio anche dei cardstock, la cui struttura è composta da amalgama di carta di colore diverso, che rendono particolarmente se carta vetrati leggermente dopo essere stati embossati.

carta…una bellissima card di Francesca Biancon

http://scrapbookingpeanuts.blogspot.com/2018/03/total-white.html

stoffa…un progetto di Lucia

http://lasoffittadipantyra.blogspot.com/2012/10/embossarela-stoffa-incredibile.html

vellum…

https://marienicoleblog.weebly.com/crafting/prayers-cards-with-etched-acetate-overlay

e lamina metallica…

https://www.greenme.it/consumare/riciclo-e-riuso/10182-fogli-alluminio-riutilizzi

A presto e mi raccomando…rispolverate i vostri embossing folder e fateci vedere che meraviglie create!

PatriziaFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather