Archivi categoria: Tutorial

ATCoins

Forse qualcuno avrà già sentito parlare degli ATCoins, ma sicuramente la maggior parte di voi conosce le loro cugine, le ATC. ATC sta per Artistic Trading Cards, piccole opere d’arte collezionabili con misure ben precise e classificate come vere e proprie opere d’arte con tanto di numero di serie. Gli ATCoins sono similarmente Artistic Trading Coins, sono delle monete artistiche, sono dei cerchi del diametro di 2,5 pollici decorate nel modo più disparato e fantasioso possibile. Ora vi mostro alcune ATCoins che ho fatto ispirandomi ai colori dell’autunno:

Ma vediamo come le ho realizzate.

Da un cartoncino bianco liscio ho fustellato 3 cerchi da 2,5 pollici di diametro e 6 cerchi della misura immediatamente più piccola.

successivamente su 3 dei 6 cerchi più piccoli ho fustellato in maniera decentrata una foglia, meglio se ne avete una traforata.

armatevi di distress ink o distress oxide ink (o qualsiasi altro inchiostro a base d’acqua) e sfumate i 3 cerchi più piccoli rimasti. Nel seguito vi mostro quelli che ho fatto io con i vari inchiostri utilizzati:

Procediamo con l’assemblaggio. Con del biadesivo sottile o della colla fissiamo il cerchio colorato su uno dei cerchi bianchi più grandi. fissiamolo in maniera decentrata scegliendo di sbilanciare il lato con i colori che vogliamo far trasparire dalla foglia fustellata. poi con del biadesivo spessorato fissiamo il cerchio bianco fustellato su questo colorato. mettiaolo al centro dell’ATCoins così da un lato uscirà una falce colorata. Infine con un po’ di colla fissiamo la foglia. Timbriamo dei sentiment con i colori predominanti di ogni singolo cerchio e voilà!!

Per completare l’ATCoins sul retro dovremmo inserire le varie informazioni:

  • titolo
  • autore
  • contatti autore
  • data
  • numero di serie formato da numero della singola ATCoins/Numero delle ATCoins della serie/ Numero delle serie di ATCoins realizzate fino a questa

Buon divertimento

Gelsomina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Segnalibri veloci

Ciao a tutti e benritrovati!

Tutti pronti per il Nazionale? Oggi vi propongo un progettino velocissimo, da poter fare anche all’ultimo momento prima di partire 😉

Partiamo con i materiali: carta da acquerello, taglierina, distress Oxide, spruzzino.

Aggiungeremo poi timbri a piacere, twine e enamel dots.

Partiamo con il tagliare dei rettangoli nella carta da acquerello (la mia è un formato A4 che ho tagliato a metà sul lato lungo e poi in cinque parti).

Tamponiamo un Distress Oxide su un pezzo di acetato e spruzziamo dell’acqua.

Poi passiamo il colore da foglio di acetato alla carta utilizzando la tecnica dello smooshing (altrimenti detta e conosciuta come “la tecnica dello spatascio”).

Ripetiamo lo stesso procedimento con un altro (o più) colore a piacere (io ho usato Peacock Feathers e Wild Honey).

Aggiungiamo poi un sentiment, un motivo a penna, del twine e un enamel dot in tinta.

Ed ecco i nostri segnalibri pronti per la consegna.

Che vi avevo detto, non sono velocissimi?

Ed ora tutti a ultimare i preparativi, il Nazionale vi aspetta!!!!

Alla prossima,

Barbara

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Un pò mini, un pò porta card regalo

Ci siamo quasi…solo pochi giorni e sarà Natale! ormai si inizia a sentire nell’aria e…almeno a me, comincia a salire l’ansia dell’ultimo minuto!!! quest’anno mi sono davvero presa tardi con addobbi e regali e così in questi giorni mi sono data da fare per correre ai ripari. Questo progetto nasce proprio come regalo dell’ultimo minuto, un progetto a metà tra un mini e una card porta tessera regalo. Avete presente quelle tessere prepagate che si acquistano nei grandi negozi, nei supermercati o, come nel mio caso, al cinema? ecco si, proprio una di quelle troverà posto qui! Tasche e taschine permetteranno poi di utilizzare la struttura come un minialbum, magari per raccogliere qualche scatto di questo Natale!

Per realizzarlo sono partita da un foglio di bazzil dal quale ho ricavato due rettangoli di cm.30×15.

Ho piegato ciascun pezzo a cm.10 e cm.20 sul lato lungo ricavando così due accordion.

Ho incollato tra loro i due pezzi come da foto

Ho diviso la taschina così ottenuta in due più piccole,  ho terminato di chiuderle con il nastro biadesivo e ho praticato in ciascuna un’apertura

sul alto sinistro ho fatto una piega come da foto e ho richiuso l’ultima parte dell’accordion a formare una tasca

sul lato destro ho praticato un’apertura con un punch e ho richiuso l’ultima parte dell’accordion a formare una tasca.

Da un’altro foglio di bazzil ho ricavato due tag di cm.9×13 e due di cm.5.5×9

Una volta terminata la struttura mi sono divertita a decorarla ed ecco cosa ne è venuto fuori…

Spero di avervi dato qualche spunto per un regalo veloce, magari da poter sfruttare anche in altre occasioni!

Patrizia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

E VOI…DOLCETTO O SCHERZETTO?

E’ già ottobre e, malgrado le giornate siano ancora tiepide, il paesaggio inizia a colorarsi dei toni caldi tipici di questo periodo e anche i nostri progetti cambiano stile e si adattano ai toni più pacati e ai temi che che questa stagione porta con se.

Ormai da qualche anno Halloween ha iniziato a prendere piede anche qui e a noi creative non è parso vero avere un nuovo pretesto per creare!

Ecco allora quattro semplici packaging da realizzare con pochi materiali e senza bisogno di grandi attrezzature!!!

PACKAGING 1 : le caramelle

Sono partita da un rettangolo di cm. 27 x 18 di carta viola sul quale ho segnato delle pieghe a cm. 3-13-16-26 sul lato lungo e cm. 3 su quello corto.

Dopo aver piegato il foglio, aiutandomi con una pieghetta d’osso, ho creato un semplice sacchettino che ho chiuso con il nastro biadesivo lasciando aperta la parte superiore. Da dei ritagli di carta arancione e lilla ho ricavato due banner ai quali ho aggiunto una fustellata nera. Non avendo nessuna fustella a forma di ragnatela ho utilizzato un cuore intagliato che vagamente ne ricordava la forma. Un piccolo ragno ( un bottone, due occhi mobili e delle ali ricavate da un ritaglio arancio), una timbrata ( anche a questo servono i meeting ASI…ho chiesto aiuto alle scrapper della mia regione che prontamente al meeting di settembre mi hanno portato timbri e fustelle per creare questi packaging ), un po di garza e del twine completano il tutto!

PACKAGING 2: la cioccolata!

Per creare questa bustina sono partita da un cartoncino quadrato con il lato di cm. 14.7. L’ho embossato a freddo con un embossing folder con la trama di una ragnatela. Utilizzando l’envelope punch board, che trovo un attrezzatura estremamente versatile, ho fatto la prima piega e perforazione a cm.4.5 e la seconda piega e perforazione, quella per lo spessore, a cm. 6.7. Ricordate che la prima e la seconda piega si fanno sullo stesso lato del foglio, che andrà poi ruotato per fare le successive, non più misurando, ma utilizzando come riferimento le pieghe già fatte. Ho stondato le punte e tagliato i lati a cm.5, cioè la larghezza della scatolina.

Un nastrino, una scritta e una fustellata decorano questo packaging. Con le misure che vi ho dato otterrete una scatolina di cm. 10 x 5 x 1.5. Volendo variare queste misure potete utilizzare questa utilissima tabella di calcolo gentilmente messa a disposizione dalla sua ideatrice.

PACKAGING 3: i lecca-lecca

Per creare queste cover ai lecca-lecca avete bisogno di un ritaglio di carta patterned di cm. 5.5 x 11, di alcuni quadrati di carta fantasia o\e tinta unita a contrasto, alcune fustellate a tema, qualche timbrata e un pezzetto di garza di recupero.

Piegate a metà i rettangoli di carta e decorateli con i quadrati sui quali avrete fatto una sottile cornicetta con un pennarello sottile nero. Sovrapponete la garza sfilacciata, la fustellata e per ultimo una scritta timbrata e spessorata. Infilate il lecca-lecca e fissatelo con in pezzetto di twine fatto passare per due piccoli fori ai lati del bastoncino!

PACKAGING 4: i biscotti

In realtà si tratta di semplici tag pensate per chiudere dei sacchettini di cellophane all’interno dei quali racchiudere dei biscotti. Questa volta la struttura di base è stata fustellata su della gommina nera, mentre i cerchi che ho sovrapposto sono di carta.

Una volta sovrapposti in ordine decrescente per dimensione, ho aggiunto un po di garza e una timbrata colorata. Twine e rafia e lo sbrillucichio di una paillette completano il tutto!

Che ne dite?…vi piacciono questi semplici progetti? e allora forza, che aspettate…mettetevi all’opera che tra pochi giorni i bambini suoneranno alla vostra porta!

Patrizia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Nuovo DT: Patrizia Foglia

 

 

Ciao a tutte!

Credo sia difficile spiegare l’emozione che sto provando nello scrivere il mio primo post in questo blog…se qualcuno mi avesse predetto tutto ciò solo un anno fa, lo avrei preso per pazzo! e invece eccomi qui, nuova di questo DT, a raccontarvi qualcosa di me e con la speranza di stuzzicare in voi la voglia di mettervi in gioco, di creare con carta, colla, forbici e ricordi qualcosa che parli di voi, delle vostre emozioni, della vostra vita. Sono particolarmente onorata di far parte del DT ASI perché credo moltissimo nell’associazionismo, nell’importanza di mettere a disposizione gratuitamente il proprio tempo e i propri talenti, nella condivisione.

Ho 50 anni e vivo a Treviso, sono sposata e ho due figli, Giulia e Marco, ormai grandi. Nella vita faccio l’infermiera ma la curiosità e la voglia di mettermi sempre in gioco fa si che sia impegnata su più fronti, soprattutto in ambito sciale. Creativa da sempre, ho sperimentato come molte di noi moltissime arti creative prima di capire che solo con lo scrapbooking riuscivo ad esprimere me stessa, a mettere in un’unica linea immaginaria occhi-cuore-mani e proprio questa “linea” sta senza dubbio alla base di ogni mio progetto. Lo scrapbooking rappresenta per me uno spazio vitale colorato, in cui dedicarmi del tempo, fare amicizie, condividere, rappresenta la mia personale “Scrap-Terapy”!

Per questo tutorial ho preparato un semplicissimo mini, non poteva che essere così…io ADORO I MINI ! 

Questa struttura semplice, veloce e che non necessita di attrezzature o materiali particolari, si presta facilmente ad essere un regalino dell’ultimo minuto, un gadget per un meeting (in effetti questi mini sono stati fatti per il primo meeting Campania!), un album da borsetta perfetto visto le dimensioni contenute e anche un progetto per chi magari è alle prime armi!!!
Ma ora vediamo come procedere:
  • Dal  un foglio di bazzil nero ho ricavato un rettangolo di cm. 30.5 x cm. 21
  • Sul lato corto ho segnato una piega, aiutandomi con la pieghetta d’osso, a 7 e 14 cm. e sul lato lungo a 7- 8-15 16-23-23,5 e 30.5 cm.

  • Ho poi tagliato le parti in verde come da schema

  • ottenendo questo

  • Dopo aver piegato il bazzil lungo tutte le linee segnate in precedenza, ho ritagliato dalle carte patterned 9 quadrati 6,5 x 6,5 cm., 5 rettangoli 6,5 x 3,5 cm. e tre rettangoli 6,5 x 5 cm. che serviranno per rivestire le varie alette di questo mini album.
    Per decorarlo ho preparato anche alcuni abbellimenti in gomma crepla glitter, alcune timbrate, delle semplici frasi al pc, paillettes, delle tag (in cui si potranno attaccare delle foto o scrivere del journaling)  e una piccola bustina in vellum nella quale ho inserito delle fustellate visto che questo mini sarà un regalo e chi lo riceverà potrà utilizzarle per decorarlo a proprio gusto.

  • Dimenticavo…per chiuderlo ho utilizzato un cordoncino elastico abbellito con un nappina hand made!

​​​​Una volta rivestita la struttura, incollato le alette piccole, formando così delle taschine, e

decorato, ecco cosa ho ottenuto!!!

ed ora altre versioni…stessa struttura ma altri colori!!!

 

e per concludere…buona scrap terapy a tutte!!!
Patrizia
Se avete piacere di seguirmi vi lascio il link del mio blog. che è http://scrappatodame.blogspot.it/
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ocean heart

Sull’onda della sfida proposta qualche giorno fa ho realizzato un cuore mixed media che sia nei colori sia nei materiali richiama l’oceano:


L’ho realizzato ritagliando da un pezzo di cartone un cuore. Ho strappato un po’ di copertura per far uscire l’ondulato e ho ricoperto il tutto con gesso. Ho sfilacciato un pezzo di garza e l’ho incollata con colla a caldo. Ho nuovamente passato del gesso insistendo sulla garza. Ho quindi incollato le conchiglie, i sassolini,una piccola ancora è aggiunto qui e lì della Malta sabbiata. Ho passato di nuovo tutto col gesso. La colorazione è realizzata con gli acquerelli. Ho creato delle zone d’ombra sotto le conchiglie col marrone e poi ho colorato il resto con un bel blu, diluendo il colore con l’aiuto di uno spruzzino d’acqua e sovrapponendo più strati. Ho aggiunto lo spago, la stella Marina e la frase motivazionale. 

Pochi materiali e tanta fantasia, spero di avervi ispirato, alla prossima!

Gelsomina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Una tag per sognare

Ciao a tutti! Il caldo si fa sentire ma questo non mi impedisce di creare! Oggi vorrei mostrarvi delle tags che ho realizzato per salutare le ragazze che ho conosciuto ad un corso di scrittura creativa.

Con la fustella Tag & Bookplate Sizzix ho fustellato le tags con cartoncino bianco, le ho colorate con i distress di vari colori e ho utilizzato un timbro Modascrap per il sentiment. Un nastrino e sono subito pronte per essere consegnate.

Eccole terminate

Velocissime e divertentissime da realizzare! Alle mie amiche sono piaciute e anche a me è piaciuto realizzarle. Spero possano essere d’ispirazione per voi!

Buona creatività!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Passione packaging

Ciao a tutti e bentornati! 

Non so se lo sapete ma io amo molto tutto ciò che è packaging, scatole, scatoline, scatolette et similia e vago sempre per il web alla ricerca di qualche idea interessante. 

Per Pasqua ho realizzato delle scatoline portaovetti di semplice realizzazione ma di bell’effetto e oggi voglio mostrarvi come ho fatto.

Per la base partiamo da un cartoncino tinta unita che misura 14,5×21cm.

Cordoniamo sul lato corto a 2 e 12cm per tutta l’altezza.

Giriamo il cartoncino sul lato lungo tenendo in alto il lato cordonato a 2,5cm e cordoniamo a 1 e 11cm per tutta l’altezza.

Successivamente cordoniamo a 6 e 16cm fino ad incontrare la prima piega. 

Da queste due pieghe partiamo per cordonare i lati obliqui della scatola fino ad incontrare la seconda piega (nella foto sono segnati a matita perché altrimenti non si vedevano).

Segnamo bene le pieghe e tagliamo come in foto. 

Incolliamo infine la scatola applicando la colla sulla linguetta laterale e su due delle alette superiori  (che andranno a creare la base della scatola).

Per la decorazione io ho usato una carta patterned della collezione “Thinkin’ of Polinesia” di Moda Scrap. 

Sono partita da un rettangolo di 9,5×19cm che ho tagliato a metà e poi in tre triangoli seguendo lo stesso schema della base. Ho poi incollato i singoli pezzi sulla base di cartoncino. 

Per completare il tutto ho aggiunto un fiocco realizzato con la stessa carta patterned e un sentiment pasquale timbrato su un cerchio realizzato con la fustella “Cerchi cuciti” de La Coppia Creativa.

Ed ecco le scatole terminate, che ne dite? 

Io sto già pensando di utilizzarle anche per altre occasioni, tra l’altro la cosa “furba” è che se non sono particolarmente piene l’apertura in alto resta chiusa anche da sola.
Grazie di essere arrivati fino alla fine, alla prossima!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Ricordi di Madrid

Ciao mondo creativo,

oggi vi propongo un album in cui ho raccolto le foto scattate durante una soleggiata giornata a Madrid. Esattamente al Parco del Retiro dove abbiamo visto la primavera in tutta la sua bellezza.

Per la struttura ho usato una dispensa del sito ASI, fonte di creatività. Tra le tantissime dispense cercavo una struttura semplice e allo stesso tempo dinamica e la dispensa del 25 settembre 2016 Beautiful life di Helga Pinelli era proprio quello che cercavo.

Quindi con la dispensa aperta sul monitor del pc ho iniziato a recuperare ciò di cui avevo bisogno e iniziato a creare la struttura, adattandola alle mie esigenze.

Per il mio progetto ho usato bazzil bianco e azzurro e due fogli di carta pattern di Moda Scrap della linea Butterly Dream, che mi ricorda tanto la primavera.

Anche la fustella ed il timbro sono targate Moda Scrap.

Invece il Washi è quello che era all’interno della Goodie Bag dello scorso Nazionale.

Il risultato è molto diverso dall’originale, come potete notare. Lo Scrapbooking è bello anche per questo. C’è sempre la possibilità di reinterpretare.

Voi usate le dispense del sito ASI?

Sara

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Effetto legno “fai da te”

Oggi è davvero tanto gettonata, la carta effetto legno!!! Ma se vi capita di essere sprovviste, come fate? Io faccio così :

20170116_124302

Questi sono i materiali che ci occorreranno. scorpal o in mancanza anche la taglierina con la lama cordonatrice, un foglio di carta bianca da 200 grammi/mq liscio, almeno 3 colori di distress pad, io qui ho usato walnut stain, gathered twigs e bundled sage, tacky glue o colla vinilica, meglio se in tubetto, uno spruzzino con del distress vintage photo o un’altra tonalità di marrone, e uno spruzzino con dell’acqua.

20170116_124513Con l’aiuto della scorpal tracciamo delle righe nella direzione scelta a distanze irregolari20170116_124856

Quindi giriamo il foglio e con il distress walnut stain  mettiamo in evidenza le righe che abbiamo appena tracciato.20170116_125107

Ora, con l’aiuto del beccuccio, tracciamo delle vene belle storte sulla lunghezza delle doghe e tiriamo la colla con le dita o un pennellino. quando questa sarà asciutta, il distress che andremo a mettere successivamente si accumulerà in modo differente dove la colla c’è, dando la sensazione del nodo e della venatura del legno.

20170116_125459

A questo punto siamo pronti per la colorazione vera e propria, con il primo colore di fondo dei distress, nel mio caso il gathered twigs, steso in senso rotatorio sull’intera superficie. Insistendo nelle zone con la colla, si possono ottenere colori più o meno marcati, secondo il nostro gusto.

20170116_125841

Ora passiamo al secondo colore, nel mio caso il bundled sage, che è un verde salvia pallido, steso solo nei punti più chiari, quelli che hanno preso meno il primo colore.

20170116_152524

Per concludere e  dare un effetto più vissuto ho spruzzato prima del distess vintage photo diluito in acqua e poi dell’acqua per dilavare un po’ il colore.

 

 

In questa foto potete vedere i diversi effetti che potete ottenere cambiando i colori dei distress, usando un pennarellino marrone per evidenziare ulteriormente le vanature o usando dei timbri effetto craclè per imitare le screpolature delle cortecce.

Spero di avervi dato spunto per nuovi sfondi!!!

Marina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather